Terra dei fuochi, per decreto il carcere per chi appicca i roghi tossici

Il decreto tanto invocato per assicurare la galera a chi appicca i roghi nella Terra dei fuochi potrebbe essere presentato a breve dal ministro Orlando

Il decreto per assicurare alla giustizia i responsabili dei righi tossici nella Terra dei Fuochi potrebbe essere pronto a breve. Almeno secondo quanto riferisce oggi Il Mattino.

Le pene previste per chi appicca un rogo tossico o anche abbandona rifiuti (vale pure per i frigoriferi ad esempio) sono particolarmente pesanti e il Ministro Orlando spiega che il testo del decreto sarà presentato il prima possibile. La pena prevista va dai due ai cinque anni per i piromani di roghi tossici mentre per chi abbandona rifiuti le pene sono di due anni elevati fino a sei anni se i rifiuti sono pericolosi.

Non è noto però quale sarà il sistema di monitoraggio e controllo del territorio e neanche se le bonifiche saranno adottate in contemporanea al decreto o se il decreto le anticiperà. Di certo si sa che le norme saranno temporanee, dureranno infatti due anni e dipendenti dalla:

persistenza di situazioni di grave criticità ambientale connesse alla gestione dei rifiuti.

Sostanzialmente questo inasprimento delle pene riguarda appunto la sola Regione Campania e si rende necessaria la premessa per evitare che intervenga la Corte Costituzionale a decretarne la sospensione. Una premessa necessaria per poter introdurre un inasprimento delle pene in una sola regione senza incorrere nello stop della Corte Costituzionale.

Foto | La Terra dei Fuochi su Fb

  • shares
  • +1
  • Mail