Inquinamento da amianto: la Sicilia corre ai ripari

Un tema spinoso quello dell'amianto, per i suoi effetti cancerogeni e per le implicazioni economiche: la Sicilia pronta a fare la sua parte.

La Sicilia è una delle regioni più belle al mondo, ma è costretta a misurarsi con diversi problemi: uno è quello dell'amianto, presente nell'isola in grandi volumi. Secondo quanto riporta il Giornale di Sicilia, i metri cubi di questo materiale presenti nell'isola ammonterebbero a circa un milione.

Facile rendersi conto del pericolo che una simile quantità di sostanze tossiche rappresenta per la salute pubblica. Altrettanto semplice capire il modo in cui una tela del genere può incidere sul bilancio, già martoriato, della regione.

Lo smaltimento, spesso eseguito all'estero, comporta una spesa per la Sicilia di circa 450 euro a metro cubo. Moltiplicando la somma per la quantità di amianto in circolazione, non ci vuole molto a comprendere la portata del fenomeno, anche sul piano economico.

Ovvio che al cospetto di una simile bomba ecologica sia necessario prendere al più presto dei provvedimenti. La giunta non sta con le mani in mano e si sta attivando per alcune specifiche iniziative. Una delle strade che si stanno seguendo è quella di creare nella regione dei siti di smaltimento, per ridurre i costi delle trasferte e dei conferimenti all'estero. Il piano pare sia già pronto. Speriamo bene.

Fonte | Giornale di Sicilia

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail