Il walkie talkie di Londra e la stupidità dell'architettura che ignora l'ambiente

Il nuovo grattacielo riflette e concentra la luce solare, generando un "raggio della morte" che raggiunge i 72°C. L'architetto non ha mai sentito parlare di specchi ustori?


Il grattacielo al numero 20 di Fenchurch street è noto come Walkie Talkie per la sua forma caratteristica. La sua superficie concava esposta a sud riflette e concentra i raggi solari sulle strade sottostanti dando vita ad un vero e proprio "raggio della morte", con temperature che raggiungono i 72 gradi e riescono a bruciare i tappeti, fondere i cruscotti delle auto e creare bolle sulle verniciature.

Ora l'architetto ammette d iaver fatto un sacco di errori e di avere sottosimato la temperatura della luce riflessa;riteneva che non si sarebbero superati i 36 gradi. Questa è una evidente ammissione di imbecillità. Non ha mai sentito parlare di specchi ustori? Di forni solari? Non ha mai seguito nemmeno una lezione di ottica?

Questa storia mostra l'arrogante stupidità di un'architettura che impone le sue bizzarrie e i suoi capricci senza tenere conto dei vincoli fisici e dell'interazione con l'ambiente circostante. Per secoli l'architettura, dagli igloo degli inuit, alle tende dei tuareg, alle isbe russe si è adattata all'ambiente ed ha utilizzato i materiali a disposizione per rendere le case abitabili nel migliore dei modi.

La versatilità dei materiali moderni e il facile accesso alle fonti di energia hanno spesso trasformato l'architettura in un esercizio di insostenibilità, non solo ambientale. La casa sulla cascata di Lloyd Wright è citata in tutti i libri di storia dell'arte, ma sarebbe interessante andare a controllare le muffe sui muri. Il museo Guggenheim è bello da vedere, ma è un enorme spreco di titanio.

Il ponte di vetro di Calatrava a Venezia avrebbe forseaspirato ad entrare anch'esso nei libri di storia dell'arte, ma per ora è entrato solo in quelli della Corte dei Conti per un danno erariale di quasi 500000 euro per rimedi alla sbagliata progettazione.

I grattacieli interamente ricoperti di vetro possono soddisfare l'hybris dei potenti del pianeta, ma sono delle vere e proprie mostruosità energivore, che ingoiano MWh su MWh per il riscaldamento e il condizionamento.  Il più alto grattacielo, il Buri Khalifa di Dubai consuma 1 GWh al giorno, in pratica una centrale nucleare deve lavorare un'ora al giorno solo per rinfrescaregli impiegati,  i turisti e gli ospiti dell'hotel.

Ora l'ineffabile architetto londinese dice che rimedierà ai guai. Se dovesse dipendere da me,  lo radierei dall'ordine e lo manderei a dare un esame di Fisica 1 e fare lavori socialmente utili tra gli Inuit e i Tuareg.

  • shares
  • Mail