Terra dei fuochi: a Acerra in 5000 contro il biocidio

Una manifestazione a Acerra ha visto sfilare oltre 5 mila persone con le immagini dei loro cari, anche bambini, morti di cancro per denunciare le conseguenze dell'inquinamento ambientale mentre oggi manifestano i dipendenti dell'inceneritore senza stipendio da 11 mesi

A Acerra sono giornate di manifestazioni queste: appena due giorni fa sono scese in strada le mamme con un corteo scioccante dove mostravano le gigantografie dei loro bambini morti di cancro; in queste ore invece manifestano i lavoratori del Consorzio di bacino, ossia gli operai dell'inceneritore perché senza stipendio da 11 mesi.

In queste ore si sono anche raggiunti momenti di tensione quando alcuni operai sono saliti sul tetto della struttura mentre altri si sono infilati sotto i camion che trasportavano immondizia all'inceneritore per bloccarne la consegna.

Ma oltre il folclore della protesta resta un dato di fatto: l'inceneritore fa male a tutti, ai residenti e agli operai. Proprio il 21 settembre a Roma si è tenuta una manifestazione a cui hanno preso parte oltre 10 mila persone per chiedere lo spegnimento e la chiusura degli impianti di incenerimento.

Intanto la Terra dei fuochi si mobilita tutta e una nuova manifestazione è stata organizzata per il prossimo 28 settembre a Casal di Principe contro il biocidio.

Via | Il Mattino
Foto | Giuseppe Esposito su Fb

  • shares
  • Mail