I cambiamenti climatici sono già una realtà: basta chiederlo agli agricoltori del mondo

Milioni di contadini, soprattutto nei paesi poveri stanno già subendo sulla loro pelle gli effetti dei cambiamenti climatici: siccità, ondate di calore, inondazioni, incertezza sulle stagioni di crescita. E' un motivo in più per intervenire drasticamente per ridurre le emissioni..

Secondo l'ultimo rapporto dell'IPCC, le temperature globali sono cresciute, la precipitazioni sono sempre meno prevedibili e gli eventi estremi (inondazioni, incendi siccità) sono sempre più frequenti e andrà sempre peggio se non si tagliano drasticamente le emissioni.

I contadini in vari luoghi del pianeta non potrebbero essere più d'accordo. Varrebbe la pena, una volta tanto ascoltarne la voce.

Bolivia. «Qui i cambiamenti climatici sono già una realtà. Ci sono nuovi parassiti sui raccolti a causa delle temperature più elevate. Abbiamo anche sofferto molto per la mancanza di acqua, dice Alivio Aruqipa, contadino che lavora con l'ONG Agua Sustentable.

Bangladesh: Secondo Saleemul Huq, esponente dell'IIED «l'IPCC conferma  ciò che milioni di contadini nei paesi in via di sviluppo sanno già, cioè che l'andamento climatico è già peggiorato. Chi inquina deve riconoscere la sua responsabilità verso le vittime dei cambiamenti climatici»

Pakistan: Essendo un paese in gran parte agricolo, sta soffrendo moltissimo per gli alluvioni devastanti (è il quarto anno di fila) e per le terribili ondate di calore (fino a 50 °C).

Malawi: secondo il Center for environmental pololicy and advocacy la pioggia è sempre più instabile e meno prevedibile, con periodi di siccità e forti precipitazioni che allagano ed erodono il terreno rovinando i raccolti.

Niger: secondo l'ONG Care, i cambiamenti climatici stanno aumentando la siccità nel sud del paese, il che unito alla povertà, alla deforestazione e alla crescita demografica sta creando una vera e propria miscela esplosiva (il Niger è anche un importante fornitore di Uranio)

Africa Subsahariana. Secondo l'ONG Oxfam, i cambiamenti climatici ridurranno la disponibilità di cibo e il problema colpira soprattutto l'Africa dove nel 2050 ci potrebbero essere  meno di 2000 kcal pro capite al giorno.

L'elenco potrebbe continuare. La sofferenza dei contadini e delle popolazioni più povere è un motivo in più per ridurre le emissioni e rivendicare la sovranità alimentare.

  • shares
  • Mail