Seguici su

Cronaca ambientale

Decreto Ilva-Terra dei Fuochi: screening medico-sanitari gratis in Puglia e Campania

La Commissione Ambiente ha approvato emendamenti che prevedono lo stanziamento di 25 milioni di euro per il 2014 e il 2015.

La Commissione Ambiente alla Camera ha approvato oggi degli emendamenti al decreto legge 136, sulle emergenze legate all’Ilva di Taranto e la Terra dei fuochi, che introducono interessanti e positive novità. Verranno infatti stanziati 25 milioni di euro all’anno per due anni (2014 e 2015) per consentire screening medico-sanitari gratuiti sulle popolazioni che vivono nelle zone pugliesi vicino all’Ilva e in quelle campane vicino alla Terra dei fuochi.

Il decreto, che è stato varato dal Consiglio dei Ministri il 3 dicembre 2013, dovrà poi passare alla Camera, che comincerà a discuterlo domani pomeriggio, e al Senato per la definitiva conversione in legge.
Il relatore del provvedimento, il deputato del Pd Alessandro Bratti, ha spiegato che dell’attività relativa agli screening si occuperà l’Istituto superiore di sanità, che è in possesso dello specifico know how in questo ambito e che proseguirà anche le indagini relative allo studio “Sentieri” sulla valutazione dell’impatto dell’inquinamento sulle condizioni di salute e di vita delle popolazioni esposte.

Alessandro Bratti ha poi aggiunto:

“Con questo stanziamento abbiamo rafforzato nel decreto la parte delle misure che attiene la tutela sanitaria della popolazione delle due aree interessate al provvedimento. Rispetto ai provvedimenti precedenti è sicuramente un passo avanti”

La Commissione Ambiente ha approvato anche l’emendamento che consentirà al commissario dell’Ilva Enrico Bondi di chiedere ai proprietari dell’azienda, i Riva, di partecipare all’aumento di capitale e se questi non accetteranno potrà ricorrere a investitori terzi oppure chiedere all’autorità giudiziaria di svincolare le somme che sono state sequestrate alla famiglia per reati diversi da quelli ambientali (cioè un miliardo e 900 milioni di euro per reati fiscali e valutari) e finalizzarli alla bonifica del sito industriale di Taranto.

Sempre Bratti a tal proposito ha spiegato:

“Nel decreto abbiamo anche puntualizzato che la partita finanziaria deve chiudersi entro il 2014. Ma non andrà effettuato solo l’aumento di capitale. No, i soldi devono esserci e spendibili”

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa