Seguici su

Inquinamento

Inquinamento, Singapore soffoca e l’Indonesia vota lo stop agli incendi boschivi

Giro di vite di Giakarta sugli incendi boschivi. Rafforzato l’ accordo sull’inquinamento transfrontaliero da foschia firmato dodici anni fa

La scorsa settimana il parlamento indonesiano ha votato un accordo regionale per bloccare gli incendi boschivi i cui fumi, oltrepassando i confini nazionali, raggiungevano la vicina città-stato di Singapore provocando forti “ondate” di smog, tali da mettere in pericolo la salute dei suoi 5 milioni di abitanti.

Nel corso degli ultimi anni, a causa dello smog proveniente dai boschi indonesiani, i funzionari governativi di Singapore e Malesia avevano fatto pressione su Giakarta affinché cercasse di limitare gli incendi boschivi che facevano innalzare a livelli di guardia l’inquinamento di Singapore. L’Indonesia è obbligata a rafforzare le sue politiche riguardanti gli incendi boschivi e lo smog, sia partecipando attivamente ai processi decisionali dell’intera area, sia dedicando maggiori risorse al contrasto delle problematiche connesse ai roghi, sia a livello nazionale che regionale.

Dodici anni fa, l’Indonesia ha firmato un accordo sull’inquinamento transfrontaliero da foschia, ma ha subito numerose pressioni, specialmente nell’ultimo anno, per ratificare il documento.

L’Indonesia ha già effettuato le operazioni per la prevenzione e mitigazione degli incedi boschivi e della foschia e attività di recupero a livello nazionale, ma per gestire l’inquinamento transfrontaliero, l’Indonesia e altri paesi asiatici riconoscono che la prevenzione e la mitigazione devono essere fatte insieme,

ha dichiarato il parlamento in un comunicato.

La maggior parte degli incendi che hanno causato gravissimi episodi di inquinamento in Malesia e a Singapore, vengono appiccati volutamente per bonificare il terreno per produrre carta e olio di palma. Nel marzo 2013 si scatenò una crisi diplomatica fra i paesi dell’Asia del sud: il governo indonesiano accusò le aziende malesi e di Singapore presenti sul proprio territorio di provocare gli incendi nell’ambito delle proprie attività commerciali. Lo scorso mese il governo di Singapore ha approvato una legge che consente al Governo di multare le aziende che contribuiscono all’aumento della foschia, indipendentemente dal fatto che esse abbiano o no un ufficio a Singapore.

Via | The Guardian

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa