Seguici su

Animali

Arizona, morto operaio attaccato da 800mila api

Quattro operai sono stati aggrediti a Douglas, mentre stavano falciando l’erba di un prato. Ferito anche un vicino di casa

Uno sciame di api proveniente da un alveare di circa 800mila esemplari ha attaccato quattro operai che stavano lavorando in un’area nel sud dell’Arizona: uno di loro è morto, un altro è rimasto gravemente ferito. Gli uomini stavano falciando l’erba nella casa di un novantenne, nella cittadina di Douglas, quando gli insetti sono emersi da un alveare situato nella soffitta e hanno attaccato il gruppo.

Sul luogo sono dovuti intervenire i Vigili del Fuoco. Uno dei quattro operai è stato condotto nell’ospedale più vicino ma non è sopravvissuto alle punture degli insetti:
un testimone ha detto che il suo viso e il suo collo erano coperti di api,

ha spiegato il capitano Ray Luzania, intervistato dal sito Tucson.com.

L’altro operaio gravemente ferito ha subito circa 100 punture e, dopo essere stato curato in ospedale, è stato rilasciato. Gli altri due lavoratori sono stati punti, ma hanno rifiutato i trattamenti sanitari, mentre un altro vicino di casa investito da parte dello sciame è stato condotto in ospedale.

Mario Novoa, capo dei Vigili del Fuoco di Douglas, ha detto a Usa Today che poiché non esistono molte api mellifere, in quella zona le api vengono trattate come le api “africanizzate” anche note come killer. Non è ancora chiaro che cosa abbia provocato le api e quanti esemplari dello sciame (come detto in precedenza all’incirca di 800mila esemplari) abbiano punto le vittime dell’attacco. Sono sufficienti piccoli rumori e vibrazioni per scatenare le api.

Questo tipo di attacchi è molto pericoloso: per chi è allergico bastano poche punture per patire uno shock anafilattico che può portare alla morte, ma decine e centinaia di punture possono portare al decesso anche un organismo non allergico al veleno. Anche per quanto riguarda le api “killer” si può ragionare in questi termini: non è il veleno in sé a uccidere, ma il numero di punture.

Via | Washington Post

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa