Seguici su

Cronaca ambientale

Processo Marlane-Marzotto, tutti assolti

Tutti assolti gli imputati per le morti nello stabilimento calabrese di Praia a Mare

Quella della Marlane-Marzotto di Praia a Mare (Cs) è una bruttissima storia di industria, inquinamento e lotte sindacali che, ieri, si è conclusa nel peggiore dei modi: il tribunale di Paola ha assolto gli ex responsabili e dirigenti della Marlane calabrese accusati, a vario titolo, di omicidio colposo per la morte di lavoratori dello stabilimento e di disastro ambientale.

Tra gli imputati c’era anche Pietro Marzotto. Per i giudici le formule adatte a mettere, per ora, la parola “fine” al caso Marlane sono “il fatto non sussiste” e “insufficienza di prove”, una pietra tombale su una battaglia ventennale degli ex-operai e degli abitanti di Praia a Mare: erano undici, tra dirigenti e responsabili dell’azienda di proprietà del Gruppo Marzotto, gli indagati a vario titolo per omicidio colposo, lesioni gravissime, omissione dolosa di cautele sul lavoro e disastro ambientale.

I pubblici ministeri Maria Camodeca e Linda Gambassi avevano chiesto sei anni di reclusione: i 107 morti (quelli accertati) di tumore per aver respirato i fumi che nello stabilimento praiese si disperdevano nei reparti, e fuori, che probabilmente giustizia non l’avranno mai. Sarà infatti difficile spuntare un diverso verdetto in Appello, visto che Domenico Introcaso è Presidente del Tribunale di Paola e, anche, della Corte d’Appello di Catanzaro.

“Come per la sentenza Eternit di Casale Monferrato anche questa di Paola dimostra che è sempre più difficile in Italia lottare per avere giustizia quando ci sono in ballo il diritto alla salute e la salvaguardia dell’ambiente”

ha dichiarato Giovanni Moccia, Presidente del comitato per le bonifiche della terra, dei fiumi e mari di Calabria.

La storia della Marlane comincia negli anni ’60 per volere del Conte Stefano Rivetti, piemontese, grazie ai fondi della Cassa per il Mezzogiorno, ed è continuata con il Gruppo Eni/Lanerossi Spa nel 1969. Passata successivamente nelle mani della veneta Marzotto Spa, il 29 settembre 1987, lo stabilimento è stato chiuso definitivamente nel 2004.

Si parla di 1050 persone tra ammalati e morti in 40 anni di produzione, troppi pure per il regime di omertà totale stabilito nel praiese fino al 12 novembre 2010, giorno nel quale vengono spiccati i primi avvisi di garanzia. Vincenzo Benincasa, Lorenzo Bosetti, Salvatore Cristallino, Antonio Favrin, Giuseppe Ferrari, Ernesto Fugazzola, Jean De Jaegher, Carlo Lomonaco, Pietro Marzotto, Lamberto Priori, Attilio Rausse e Silvano Storer. Costoro, secondo l’accusa, sapevano e non hanno fatto niente, lasciando morire gli operai nel silenzio e nell’ingiustizia e devastando un territorio di rara bellezza: non è ‘ndrangheta, è imprenditoria.

L’assoluzione di ieri rappresenta il punto, forse definitivo, alla vicenda, che lega la verità processuale a fatti che “non sussistono” e alla carenza di prove: i morti, intanto, continuano a non riposare.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa