Seguici su

Inquinamento

Il mondo verso l’estinzione di massa e la colpa è dell’uomo

Cambiamenti climatici, inquinamento e deforestazione stanno conducendo la Terra verso la sesta estinzione di massa

I cambiamenti climatici, l’inquinamento e la deforestazione stanno indirizzando la Terra verso una nuova fase di estinzione di massa che sarebbe la sesta per il nostro Pianeta. Sessantacinque milioni di anni dopo l’estinzione dei dinosauri, la prossima estinzione vedrà sparire dalla scena anche l’uomo. Non che fossero mancati in passato allarmi di questo genere, ma questa volta la novità è nei tempi: l’umanità sta conducendo il Pianeta verso condizioni impossibili per la sopravvivenza di molte specie, uomo compreso.

Lo studio scientifico che lancia l’allarme è stato pubblicato dalla rivista Science Advances ed è il frutto della collaborazione fra Gerardo Caballos della Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM) e i suoi colleghi di Stanford, Princeton e Berkeley.

Lo studio cita una ricerca della Duke University secondo la quale i vertebrati stanno scomparendo a un ritmo 114 volte più veloce del normale: dal 1900 sono scomprase 400 specie di vertebrati, una perdita che si verifica ogni 10mila anni.

Gli studiosi coinvolti nello studio non ci girano troppo intorno:

se questa fase continuerà al ritmo attuale, ci vorranno molti milioni di anni affinché la vita sulla Terra possa riprendere e il genere umano è destinato a scomparire molto presto.

Secondo Paul Ehrlich dell’Università di Stanford: “Il mondo è pieno di specie che sono sostanzialmente morti viventi. Stiamo segando il ramo su cui siamo seduti”.

I cambiamenti climatici, l’inquinamento e la deforestazione hanno innescato un effetto a catena che si appresta a travolgere gli ecosistemi. Come nella nota “profezia” di Albert Einstein l’impollinazione delle api rischi di sparire in tre generazioni creando danni irreversibili alle coltivazioni che dipendono da questa attività.

La responsabilità è soprattutto umana: la fertilizzazione e le colture super-alimentate sono efficienti per alcune specie, ma rischiano di farne scomparire altre. Un discorso analogo si può fare per l’allevamento: gli uomini curano gli animali che devono mangiare, ma spingono quelli selvatici verso l’estinzione. Infine c’è la fame d’energia che sfrutta le risorse fossili (e dunque finite) della Terra. Una soluzione? Rallentare, decrescere, rinunciare al superfluo. I Governi deputati a farlo, però, lasciano che siano gli altri a cominciare. Ma nessuno fa il primo passo nella direzione opposta rispetto al cammino che conduce all’estinzione.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa