Seguici su

Animali

Francia, piante carnivore contro i calabroni asiatici

Il Jardin des plantes di Nantes ha trovato un metodo naturale per contrastare i calabroni asiatici

[blogo-gallery id=”159185″ layout=”photostory” title=”Piante carnivore contro i calabroni asiatici” slug=”piante-carnivore-contro-i-calabroni-asiatici” id=”159185″ total_images=”6″ photo=”0,1,2,3,4,5″]

I calabroni asiatici possono essere contrastati “naturalmente” grazie a delle piante carnivore. A ideare questa strategia di contrasto “alternativa” è stato il Jardin des plantes di Nantes che ha fatto un interessante scoperta che potrebbe essere molto utile per gli apicoltori di tutto il mondo.

Aprendo una delle foglie dalla sommità porpora della Sarracenia, Romaric Perrocheau, direttore del giardino di Nantes vi ha trovato un esemplare di calabrone asiatico. Attirato dal nettare e dai ferormoni della pianta, il calabrone è entrato nel lungo tubo della foglia e una volta scivolato al suo interno è stato mangiato dai succhi digestivi.

Dopo avere scoperto diversi esemplari, Perrocheau ha deciso di studiare il fenomeno con un entomologo del Museo di storia naturale locale. In ognuna delle piante sono stati trovati mediamente tre calabroni e tre mosche, ma non vespe, api o calabroni europei. Queste piante carnivore originarie del nord America, potrebbero dunque contrastare i calabroni asiatici anche se va detto che ogni sarracenia può contenere da dieci a quindici urne e attirare circa 50 insetti, mentre in un nido di calabroni gli esemplari sono circa 4mila.

Le ricerche sono tutt’altro che finite. Ora si proverà a capire quali sono le molecole liberate nell’atmosfera che attirano i calabroni, un lavoro tutt’altro che semplice che potrebbe durare anche un anno. L’obiettivo è di trovare una super-molecola da poter usare come esca per attirare questa specie aliena che rappresenta una minaccia per l’apicoltura. Il calabrone asiatico (Vespa velutina nigrithorax) è originario della regione di Shanghai ed è stato trovato in Europa all’inizio del secolo. Oltre ad essere presente nel 70% del territorio francese, si trova anche in Italia, Belgio, Germania, Portogallo e Spagna. Fino a ora non è stato trovato alc un mezzo di eradicazione, ecco perché la scoperta francese è così importante.

Via | Le Monde

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa