Seguici su

Inquinamento

L’Aquila, amianto ancora da smaltire dopo il terremoto del 2009

Sabato 12 dicembre si farà il punto della situazione in un incontro a Montereale

L’individuazione e la rimozione dell’amianto è uno degli aspetti maggiormente trascurati della fase post-terremoto dell’Aquila. Sono passati oltre sei anni e mezzo dal sisma dell’aprile 2009 e centinaia di migliaia di metri cubi di amianto restano imprigionati nelle macerie del centro dell’Aquila e di decine di centri storici dei paesi colpiti dal sisma.

Per fare il punto della situazione su questo problema, l’Osservatorio Nazionale Amianto e il Comune di Montereale hanno chiamato a raccolta studiosi e rappresentanti istituzionali, dando appuntamento per sabato 12 dicembre alle ore 15 in via Porta Marana nella sede della Pro Loco del comune di Montereale, luogo in cui si svolgerà il convegno Amianto e terremoto. Progetto A(z)ZERO Amianto.

Una parte significativa dell’amianto è stata smaltita, ma ingenti quantità di asbesto, secondo l’Ona, continuano a essere esposte alle intemperie, con il rischio che le polveri si diffondano mettendo a rischio la salute degli aquilani.

Sono 6mila all’anno i decessi di italiani ammalatisi per l’esposizione all’amianto e, nell’incontro di sabato, verranno resi pubblici i dati relativi all’Abruzzo. All’incontro sarà presente, fra gli altri, Ezio Bonanni, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto, che farà il punto della situazione sull’attività dell’Ona in Abruzzo. Nel corso dell’incontro verrà annunciata l’apertura di uno sportello amianto regionale e di alcuni sportelli locali.

Bonifica dei siti e sorveglianza sanitaria sono, in Abruzzo come in tutta Italia, le due priorità dell’Ona, associazione che fornisce assistenza legale ai lavoratori esposti e alle vittime, affinché possano ottenere le prestazioni previdenziali (rendita INAIL e prepensionamento INPS) e il risarcimento di tutti i danni.

Via | Il Capoluogo d’Abruzzo

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa