Moto elettriche: il progetto congiunto di Honda e Yamaha

Moto elettriche, al via un progetto congiunto tra Honda e Yamaha in Giappone.

yamaha e-vino

Tra le moto elettriche in listino non figurano ancora quelle di Honda e Yamaha, presente in Italia solo con lo scooter E-03. I colossi giapponesi delle due ruote stanno però lavorando da tempo alle due ruote a zero emissioni. Ora è partito un progetto congiunto con la città di Saitama, a nord di Tokyo: si tratta di un test di valutazione in merito all'uso delle moto elettriche. Il test è partito il 21 luglio 2017 con 30 mezzi elettrici, gli scooter Yamaha E-Vino, utilizzabili grazie a un servizio di noleggio e di scambio batteria presso le stazioni di ricarica.

Lanciato nel mercato asiatico nel 2015, lo scooter ha un'autonomia di 29 km e una velocità massima di 30 km/h. A settembre verrà effettuata la prima valutazione del servizio. Il percorso rientra nell'ambito del progetto "E-KIZUNA" di Saitama City per promuovere la diffusione dei veicoli elettrici, ma l'iniziativa che coinvolge Honda e Yamaha mira anche a risolvere i problemi in aree prive di accessibilità. E soprattutto aiuta i due costruttori a ottimizzare i loro progetti di veicoli elettrici. Entrambe hanno lavorato da anni a diversi prototipi e sarebbero già pronti alla produzione in serie. Ma finora non si è parlato di date. Honda dovrebbe lanciare una versione elettrica del Super Cub e il debutto delle Yamaha PES1 e PED1 è già slittato ampiamente.

Il programma di test di valutazione – spiega Honda in un comunicato - rappresenta la prima iniziativa congiunta tra un ente governativo locale e due produttori di motociclette. Il primo punta a ridurre l'inquinamento dei mezzi a due ruote con motore a scoppio e a promuovere l'utilizzo dei veicoli in piena sicurezza mentre i produttori di moto mirano alla diffusione di moto elettriche.

  • shares
  • Mail