Toyota presenta T-HR3, il robot umanoide di terza generazione

T-HR3 è il robot umanoide di terza generazione progettato da Toyota Motor Corporation, che sarà presentato ufficialmente oggi dalla casa automobilistica giapponese: si tratta della piattaforma di robotica più evoluta di Toyota, ideata e sviluppata dalla Partner Robot Division del brand per esplorare nuove tecnologie di gestione delle interazioni fisiche tra i robot e l’ambiente che li circonda, dotata di un sistema che replica in modo preciso e in tempo reale i movimenti dell’operatore all’interno del Master Maneuvering System.

T-HR3 sarà esposto alla Robot Exhibition 2017 presso il Tokyo Big Sight dal 29 novembre al 2 dicembre e rappresenta un’evoluzione delle precedenti generazioni di robot umanoidi capaci di suonare strumenti musicali, creati per testare il posizionamento preciso delle articolazioni e dei movimenti pre-programmati. La nuova piattaforma propone funzionalità che assistono l’essere umano in ambienti diversi, dalle mura domestiche alle strutture ospedaliere, nei cantieri edilizi, nelle zone colpite da disastri e addirittura nello spazio.

“Il nostro impegno è quello di utilizzare la tecnologia di T-HR3 per la progettazione di robot che siano di aiuto agli esseri umani e che li assistano nelle loro attività quotidiane. Le tecnologie sviluppate per questa piattaforma serviranno in futuro per la creazione di robot capaci di assicurare una mobilità migliore, per tutti" ha dichiarato Akifumi Tamaoki, General Manager della Partner Robot Division.

Controllato da un Master Maneuvering System che consente al corpo del robot di replicare il movimento delle mani, delle braccia e dei piedi grazie alla mappatura da parte dei controlli indossati dall’operatore, con un visore che visualizza le immagini dalla prospettiva del robot. Le braccia del Master Maneuvering System consentono all’operatore una completa possibilità di movimento che viene poi replicato dalle articolazioni robotiche. L’operatore può inoltre camminare sul posto muovendo i piedi all’interno della sedia in dotazione consentendo all’unità umanoide di spostarsi in avanti e lateralmente. La tecnologia Self-interference Prevention integrata assicura la massima corrispondenza tra i movimenti dell’operatore e quelli del robot.

toyota-thr3-robot-8.jpg

I motori, i riduttori e i sensori di coppia montati sul T-HR3 e sul Master Maneuvering System (denominati complessivamente Torque Servo Module) sono collegati ad ogni singola articolazione. Questi moduli comunicano i movimenti dell’operatore direttamente alle 29 parti che compongono il corpo dell’automa e ai 16 sistemi di controllo del Master Maneuvering System per garantire movimenti sincronizzati. Il Torque Servo Module è stato sviluppato in collaborazione con la Tamagawa Seiki Co., Ltd. e con la NIDEC COPAL ELECTRONICS CORP. Questa tecnologia rappresenta un ulteriore passo in avanti per Toyota nel campo della robotica, con un sistema di force feedback studiato per restituire le resistenze incontrate dal robot durante l’interazione con gli oggetti.

Il Torque Servo Module consente a T-HR3 di sfruttare appieno le sue funzionalità di base: il Flexible Joint Control, per controllare la forza che il robot applica nel contatto con individui e oggetti; il Whole-body Coordination e il Balance Control, che mantiene il bilanciamento quando l’automa urta un oggetto presente nell’ambiente circostante; il Real Remote Maneuvering, che assicura all’operatore un controllo intuitivo dell’unità. Queste funzioni potranno avere un impatto enorme sulla ricerca e sullo sviluppo della robotica, in particolare per quegli automi che agiscono in ambienti in cui è necessario muoversi ed interagire con la massima precisione.

  • shares
  • Mail