Terra dei Fuochi, controlli interforze: 15 siti di sversamento illegale

Il ministro dell'ambiente Sergio Costa plaude all'operazione: "Complimenti a tutte le persone impegnate a fermare questi criminali".

I controlli interforze effettuati in tempi recenti in 7 comuni della Terra dei Fuochi hanno portato alla scoperta di 15 siti di sversamento illegale, tra le province di Napoli e Caserta. L'operazione delle forze dell'ordine, avvenuta col coordinamento di Gerlando Iorio (incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi nella regione Campania), si è tradotta nel sequestro delle attività imprenditoriali irregolari e nella denuncia di 8 persone. Sanzioni per migliaia di euro sono state inflitte ai responsabili.

Il ministro dell'ambiente Sergio Costa esprime compiacimento per il risultato e loda il lavoro degli uomini che lo hanno reso possibile.

Da lui giunge un appello anche alla gente: "Attività abusive, sversamenti illegali, lavoro nero, rappresentano solo una parte degli illeciti emersi durante questi controlli. Sono condotte criminali che mettono a rischio la salute dei cittadini e del territorio, oltre a costituire un grave ostacolo per tutti coloro che lavorano onestamente. Per queste ragioni non mi stancherò mai di chiedere a tutti di segnalare e denunciare alle autorità chi mette a rischio l'incolumità della collettività e soprattutto dei nostri figli".

Tutti sappiamo del dramma ambientale italiano della Terra dei Fuochi. I roghi dei rifiuti tossici presenti in quella vasta area della Campania rappresentano un rischio per la salute della popolazione locale. Ecco perché ogni iniziativa di ripristino della legalità va letta positivamente.

Nella Terra dei Fuochi, dove sono stati interrati rifiuti tossici e speciali, il contrasto ai roghi, pericolosi per la salute dei cittadini, si avvale di rafforzati strumenti negli ultimi tempi. La scorsa estate, per esempio, è stato siglato a Palazzo Chigi un accordo tra Fabrizio Curcio, presidente dell'Unità di coordinamento del "Piano di azione per il contrasto dei roghi dei rifiuti", e il generale Alberto Rosso, Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica.

Fonte | Ministero dell'Ambiente

  • shares
  • Mail