Seguici su

ECOLOGIA

Rifiuti ai tempi del Coronavirus: Costa grato ai lavoratori del settore

Il ministro Costa esprime il suo ringraziamento agli uomini che garantiscono la pulizia ambientale ai tempi del Coronavirus: “È un ruolo importante di pubblica utilità”.

In questi giorni la nostra amata Italia è costretta a fare i conti con l’emergenza epidemiologica da COVID-2019. La diffusione del Coronavirus e i rischi di contagio hanno spinto il governo a varare provvedimenti sempre più restrittivi, per cercare di arginare il fenomeno e garantire la tenuta del sistema sanitario.

Il rischio, qualora la situazione sfuggisse di mano, sarebbe quello di non avere sale di terapia intensiva e personale medico e infermieristico sufficienti a fronteggiare la sfida. Ecco perché la gente deve collaborare, attenendosi alle regole e contribuendo alla buona causa. Altrimenti ogni provvedimento potrà risultare vano.

In un quadro come quello attuale, un sentito ringraziamento da parte di tutti va agli operatori sanitari, che stanno facendo un superlavoro. Ci sono poi tanti altri soggetti cui andrebbe la nostra gratitudine in questa fase, per i rischi di cui si fanno carico per assicurare certi servizi.

[related layout=”big” permalink=”https://ecoblog.lndo.site/post/192445/ambiente-anche-litalia-nel-patto-europeo-sulla-plastica”][/related]

Il ministro dell’ambiente Sergio Costa esprime la sua gratitudine anche a questi: “Ai lavoratori che operano nel settore dei rifiuti, servizio di pubblica utilità indispensabile per il paese – e non posso non pensare ai numerosi rifiuti ospedalieri che continuano a prodursi di giorno in giorno – va il mio ringraziamento sincero. Dico grazie a tutti gli attori della gestione ambientale per la loro professionalità e abnegazione. A loro deve andare la gratitudine di tutti i cittadini, così come a tutti coloro – e sono tanti – che in questa emergenza sanitaria aiutano il paese ad andare avanti“.

È alta -prosegue Costa- l’attenzione di tutto il governo per chi sta garantendo l’efficienza dei servizi, ambientali e non solo, minimi ma indispensabili. È necessario garantire l’assegnazione dei dispositivi di protezione individuali per tutti coloro che sono esposti e che silenziosamente operano per assicurare la pulizia e il decoro delle nostre città, quantomai importanti adesso. La salute di tutti è un bene tutelato dall’articolo 32 della nostra Costituzione e va garantita come diritto fondamentale dell’individuo e interesse della collettività“.

Fonte | Ministero dell’Ambiente

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa