Carne di maiale nel pollo halal: la comunità musulmana di Londra è sotto shock

A un paio di settimane dalla denuncia del Consiglio Centrale Islamico della Svizzera, dopo il ritrovamento di carne di maiale in sette dei venti campioni di kebab prelevati nella Confederazione Elvetica, un nuovo scandalo scoppia in una delle comunità islamiche più importanti d’Europa, quella di Londra.

Tracce di dna suino sono state rinvenute nelle salsicce di pollo halal ovverosia preparate secondo le modalità previste dalla sharia (legge religiosa) che dividono gli alimenti in halal (lecito) e haram (proibito). Le salsicce venivano servite nella scuola elementare del comune di Westminster frequentata anche da bambini musulmani. 

Il ritrovamento è emerso nel corso di uno dei migliaia di controlli a tappeto condotti dalle autorità sanitarie britanniche dopo lo scandalo della carne di cavallo. Queste salsicce sono presenti nel menu di 15 scuole elementari, due materne, un istituto speciale e una mensa in cui si serve esclusivamente carne halal. Le autorità hanno comunicato il ritiro totale delle salsicce dai mercati ed è stato interrotto il contratto di fornitura con l’azienda “rea” della frode alimentare.

Oltre all’attivazione di un numero verde per le famiglie degli alunni, il servizio per i minori di Westminster resta in stretto contatto con genitori, scuole e i vari leader confessionali della zona.

 

I risultati sono stati ancora più scioccanti a causa delle numerose rassicurazioni ricevute riguardo al cibo ricevuto dai nostri fornitori. Posso assicurare che non smetteremo di effettuare test sugli alimenti delle nostre mense scolastiche,

ha spiegato Andrew Christie.

Fra i fornitori è, naturalmente, iniziato il gioco dello scaricabarile: l’azienda Chartwells ha detto che il prodotto era stato fornito dal macellaio Nigel Fredericks, il quale, a sua volta, si era rifornito da Brook Farm Sausages.

Via I BBC

Foto © Getty Images

  • shares
  • Mail