Maltempo in Italia: pioggia e freddo fino a Pasqua

Non bastava il marzo più freddo degli ultimi cinquant’anni, da ieri sera sui cieli italiani è arrivato anche Thor, un nucleo d’aria fredda di origine baltico-scandinava che ha portato qualche nevicata a quote basse principalmente nel Nord Est ma con neve anche sulle pianure dell’Emilia.

A questa situazione si aggiungeranno venti freddi di bora che dilagheranno sul Nord Italia, con raffiche a 100 km/h nel triestino. In mattinata la linea ferroviaria Trieste-Venezia è stata bloccata a causa del ghiaccio sulle rotaie consolidato da raffiche di bora a 130 km/h. Piogge, temporali e nevicate a basse quote caratterizzeranno la giornata di oggi, ma tutta la Settimana Santa sarà all’insegna del maltempo, con temperature nettamente al di sotto della media stagionale. Da martedì fino a sabato le perturbazioni attraverseranno l’Italia da Ovest a Est con frequenti piovaschi alternati a pause asciutte e soleggiate. Sono previste anche gelate tardive, successive al risveglio vegetativo.

Il maltempo sta creando non pochi problemi, specialmente nelle campagne dell’Emilia Romagna, dove Coldiretti ha annunciato che i primi tre mesi del 2013 sono stati i più piovosi degli ultimi 30 anni. Sulla base dei dati dell’Arpa, Coldiretti ha aggiunto che l’abbondanza delle piogge potrebbe “ostacolare nei campi le principali attività colturali di primavera”. Sono soprattutto le aree di pianura di Reggio Emilia e Ravenna ad avere registrato la maggiore quantità di piogge. Le campagne sono allagate, i trattori sono impantanati, semine e operazioni colturali rischiano di essere compromesse.

Ma quando arriverà la tregua? Secondo le previsioni di medio termine la domenica di Pasqua sarà soleggiata al nord e instabile al centrosud. Il lunedì di Pasquetta, tradizionale appuntamento delle gite fuori porta, dovrebbe essere piovoso a nordovest e soleggiato altrove.

La situazione di maltempo sarà generalizzata, dall’Inghilterra alla Russia, dal Baltico alla Francia.

La primavera, insomma, arriverà dopo la prima settimana di aprile. Sia aprile che maggio saranno caldi, molto caldi, con temperature elevate che si protrarranno fino a settembre. Queste almeno le previsioni a lungo a termine, a breve termine che si muoverà per le vacanze pasquali non dimentichi l’ombrello.

Via Coldiretti 

  • shares
  • Mail