Seguici su

Agricoltura

Cina, allarme fosfogessi: i concimi sono una “bomba ad orologeria”

Non passa giorno senza che in Cina emerga un nuovo scandalo ambientale: l’ultimo in ordine cronologico è emerso grazie a Greenpeace, che accusa il colosso asiatico di rappresentare una “bomba ad orologeria” a causa dell’enorme produzione di fosfogessi, scarti di lavorazione delle industrie di concimi fosfatici, altamente inquinanti.

Il colosso asiatico infatti ha notevolmente incrementato (+40%) la propria produzione di concimi fosfatici dal 2001, divenendo leader nel settore: una medaglia che, se da un lato fa risplendere il lato economico di questa industria dall’altro rende oscuro il destino ambientale legato alla produzione di fosfogessi, sottoprodotti di lavorazione altamente inquinanti che oggi ammontano a diverse centinaia di milioni di tonnellate in tutta la Cina.

Ha spiegato Lang Xiyu, autore del rapporto sul tema dal titolo “Vivere in pericolo” pubblicato da Greenpeace (potete leggerlo cliccando qui):

La Cina ha accumulato ormai almeno 300 milioni di tonnellate di fosfogesso, più di 200 kg per ciascun abitante. E la cosa più grave è che il fosfogesso contiene una serie di sostanze estremamente nocive.

Un problema, quello dello stoccaggio dei fosfogessi, tipici scarti di lavorazione di fertilizzanti e detergenti, che purtroppo conosciamo bene anche in Italia: a Tito Scalo, nel materano, è stoccata un’enorme quantità di fosfogessi sottoforma di

un enorme ed abusiva discarica di fanghi industriali

come denuncia da tempo, anche su Ecoblog, il segretario di Radicali Lucani Maurizio Bolognetti.

La pericolosità di questi scarti è legato in particolar modo ai radionuclidi contenuti nei fosfogessi, Th232, Ra226, U238, anch’essi fortemente pericolosi per la salute umana ed ambientale; i risultati delle indagini condotte da Greenpeace in Cina sono allarmanti.

A partire da maggio 2012 l’associazione ambientalista ha effettuato dei controlli di campionamento ed analisi sui fosfogessi smaltiti da alcune imprese nella provincia del Sichuan, ottenendo risultati decisamente preoccupanti: più di un terzo dei campioni sono stati classificati come rifiuti pericolosi solidi per gli altissimi livelli di fluoro riscontrati; lo smaltimento dei cumuli di scorie contenenti fosfogessi inoltre è risultato decisamente al di sotto degli standard nazionali cinesi (che pure non possono certamente essere definiti stringenti).

Il risultato è una “bomba ad orologeria” che non si sa quando esploderà: i rilievi infatti sarebbero solo

indicativi di più ampi problemi ambientali in tutta la Cina […] di fosfogessi gettati in mezzo al verde e, sopratutto, in prossimità di villaggi locali.

scrive Greenpeace, che spiega come la reazione di alcuni abitanti, esasperati dalla situazione ormai insostenibile, sia stato il semplice noleggio di un escavatrice per la rimozione dei rifiuti stessi. Un rimedio che, nell’ignoranza in cui viene mantenuta la popolazione cinese delle aree rurali, è peggiore del male, ma che è emblematico del un punto di non ritorno, del messaggio di sfida lanciato dalle popolazioni alle autorità.

L’uso dei fertilizzanti agricoli è fortemente incentivato dalla propaganda cinese, che spinge il settore sempre più ad un uso intensivo delle aree agricole: il “grande balzo in avanti” della rivoluzione maoista sta però facendo schiantare il colosso cinese sul muro dei veleni, dell’inquinamento che ormai attanaglia e soffoca un intero paese, a partire dalla sua capitale.

Via | Greenpeace

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa