Il ministro Zanonato sul nucleare: "Perchè no?" E scoppia la polemica

Nucleare si o nucleare no? Una polemica montata in poche ore e smentita su twitter da Flavio Zanonato ministro per lo Sviluppo. Cronaca di una giornata atomica.

Flavio Zanonato ministro per lo sviluppo

A Un giorno da pecora, trasmissione di Radio Due il neo ministro Flavio Zanonato spiega, quando i due conduttori Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro gli fanno la domanda, se favorevole o contrario al nucleare:

Non mi piace quando si enfatizzano le cose demonizzandole. L’energia nucleare è una forma di energia, se si può gestire non è sbagliata di per sè. In Italia credo che non si possa fare, ma nel mondo c’è.

Dunque Sabelli Fioretti e Lauro lo incalzano chiedendogli se potendola gestire si potesse poi avere in Italia e Zanonato ha detto:

Se avessimo i siti adatti, perché no?


Dopo pochissimo tempo la dichiarazione era già on line tant'è che il ministro ha prontamente smentito di essere intenzionato a riportare il nucleare in Italia con un tweet:


A quel punto si sono sollevati i pareri contrari da Antonio Di Pietro che non fa più parte del gioco politico attuale, ai SEL a Legambiente tutti che hanno stigmatizzato le dichiarazioni del neo ministro Zanonato.

Sabelli Fioretti e Lauro va detto, sono buontemponi, e hanno snocciolato tutto il loro repertorio già messo in atto con l'ex ministro Clini quando fu nominato ministro all'Ambiente un anno e mezzo fa a base di nucleare e spritz che pure portò alle smentite e alla precisazione: rispettiamo l'esito del referendum.

Io mi chiedo, però, perché una tale capacità di reazione degli ambientalisti verso le dichiarazioni poco corrette dei ministri non sia riservata anche verso scelte molto discutibili quali privatizzare l'acqua o bruciare i rifiuti nei cementifici dove invece assistiamo a un penoso silenzio?

Via | Mattino di Padova
Foto | @flaviozanonato su Twitter

  • shares
  • Mail