Seguici su

Inquinamento

Troppi buchi negli USA per poco petrolio in più

A partire dal 2009 la produzione di petrolio negli USA è tornata a crescere e in 4 anni è aumentata del 27%. Per ottenere questo risultato il numero di trivellazioni è però andato alle stelle, segnale che si tratta di piccoli giacimenti che si esauriscono in fretta

Se è vero, come ho scritto ieri, che gli americani gonfiano le loro statistiche di produzione petrolifera, è anche vero che la produzione di greggio degli USA comunque  è tornata ad aumentare dopo un declino quarantennale, successivo al picco del 1971.

Tra il giugno 2009 ed oggi la produzione è aumentata del 27% (curva rossa nel grafico). Hanno allora ragione i tecno-ottimisti che dicono che le innovazioni tecnologiche ci salveranno, perchè è possibile sfruttare giacimenti prima non utilizzabili?

No, hanno decisamente torto, se si racconta la storia per intero e si comprende a quale prezzo è stata ottenuta la crescita della produzione. Tra il 2009 e il 2013 il numero di trivelle attive (curva blu) è cresciuto quasi del 700%! Se prima si ottenevano in media 30 kbbl per ogni trivellazione, ora si è scesi a 5.

Questa è esattamente la conferma della teoria del picco del petrolio: si consumano prima i giacimenti più grandi, accessibili e di migliore qualità e si passa poco per volta a quelli più piccoli, meno accessibili e di scarso valore.

I giacimenti del cosiddetto tight oil sono piccoli e intrappolati tra strati di roccia impermeabile, per cui occorre utilizzare la pratica ambientalmente devastante  del fracking che raccoglie opposizioni crescenti nell’opinione pubblica. Le riserve si esauriscono in fretta per cui occorre continuare a fare nuove trivellazioni ad un ritmo forsennato per mantenere la crescita della produzione.

Le trivelle ed il fracking hanno un costo economico ed energetico che alla lunga renderà questa operazione insostenibile. Come si vede dal grafico, sembra che quest’anno si sia già raggiunto il picco delle trivelle.

Fonti: EIA per la produzione e Baker Hughes per il numero di trivelle attive.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa