Seguici su

Inquinamento

Siria, la guerra e i disastri ambientali nella culla della civiltà

Il conflitto siriano rischia di avere pesanti conseguenze ambientali per tutta l’area mediorientale del Mediterraneo

Un Paese bellissimo, nel quale la follia dell’uomo ha distrutto città millenarie come Aleppo, considerata la prima città dell’umanità. Bashar Al Assad non si arrende, la guerra continua e la comunità internazionale non può intervenire. Non può farlo il Nobel per la pace Barack Obama che deve fare i conti con la lenta smilitarizzazione di Iraq e Afghanistan e, dunque, la Siria è lasciata sola al proprio destino, in una zona delicatissima, quella di un ponte fra l’area caucasica, la Turchia e l’Iraq.

Nel conflitto si è giocato sporco. All’inizio di maggio, durante un raid compiuto dall’esercito israeliano a nord di Damasco, è stato utilizzato uranio impoverito, per tacere delle armi chimiche utilizzate dal regime che resiste.

Quando quattro anni fa chiesi il visto per andare in Siria, mi venne rifiutato: “Voi giornalisti parlate molto male di noi”.  Allora il conflitto non era in atto, io riuscii ad ottenere il visto e attraversai il Paese. E non posso che parlarne bene: perché un Paese non è fatto da chi lo governa, ma da chi lo abita e in Siria trovai solamente persone ospitali, generose, capaci di condividere con chiunque, anche con me straniero di un altro continente, i piccoli “tesori” della quotidianità.

Purtroppo, però, le guerre che scaturiscono dagli eserciti vengono scontate dai civili: dalla seconda guerra mondiale in poi è sempre stato così. Con una differenza sostanziale: che se settant’anni fa bastava sminare i campi e ricostruire, oggi ci si ritrova a fare i conti con un ambiente compromesso. Che cosa succederà quando la situazione si normalizzerà in un territorio contaminato dalle armi chimiche e dalle nanoparticelle?

Negli scorsi giorni la fondazione Waste Free Oceans (WFO), una ong che si occupa dello smaltimento sostenibile dei rifiuti, ha lanciato l’allarme in merito all’inquinamento marino, nella costa siriana che si affaccia sul Mediterraneo ma che, ovviamente riguarda tutti i paesi vicini, da Cipro alla Turchia, da Israele al Libano.

Nella città di Latakia la raccolta dei rifiuti è interrotta da mesi, tonnellate di immondizia vengono gettate in mare per sgomberare le strade. I rifiuti galleggianti hanno invaso la provincia turca di Hatay, dove negli scorsi mesi si sono depositate montagne di detriti. La situazione sta creando gravi problemi alla fauna, per esempio alle tartarughe Caretta Caretta e alle Chelonia Mydas.

Una situazione destinata a peggiorare: quella che inizialmente era sembrata una delle rivoluzioni-lampo della Primavera Araba dura ormai da due anni, m è l’eredità che lascerà sul territorio a preoccupare, quasi quanto i suoi effetti quotidiani.

Via | AdnKronos

Foto © Getty Images

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa