Da Fukushima 300 tonnellate al giorno di acqua contaminata nel Pacifico, la stima ufficiale

Il governo Giapponese ha reso noto che ogni giorno, da due anni, dalla centrale di Fukushima Daiichi finiscono in mare 300 tonnellate pari a 300000 litri di acqua contaminata

Ebbene quel che si temeva è accaduto, l'incidente di Fukushima Daichi non è mai stato sotto il controllo della TEPCO. Ogni giorno, da quell'11 marzo 2011, data del terremoto e dello tsunami poi, sono stati verati in mare ogni santo giorno 300 tonnellate di acqua contaminata da vari elementi radioattivi, tra cui lo stronzio. TEPCO sebbene sapesse ha sempre taciuto minimizzando al mondo il problema, probabilmente nel goffo tentativo di nascondere la sua imperizia e fors'anche di tenere in piedi la lobby del nucleare.

Il premier del Giappone Shinzo Abe, nuclearista convinto, si è impegnato oggi a sostenere con gli sforzi del governo la perdita di acque radioattive nell'Oceano Paficifo per cui è stata dichiarata l'emergenza dalla RNA e ha ordinato al ministro dell'Economia, Commercio e Industria di agire con urgenza. Le perdite sono state stimate pari a 300 litri di acqua altamente contamonata da element radioattivi che si versa nell'oceano Pacifico ogni giorno.

Secondo il governo anche se la TEPCO, la società che gestisce l'impianto nucleare di Fukushima Daiich,i prende tutte le misure necessarie per accelerare la decontaminazione del sito occorreranno almeno 40 anni e più di 8 miliardi di euro.

Secondo un responsabile del ministero per l'Industria si inizieranno a pompare le acque sotterranee per limitare le perdite con l'obiettivo di ridurre quei 300 litri quotidiani giorno per giorno. Ma pprobabilmente questo obiettivo non sarà facile da raggiungere poiché già era stato dichiarato che la capacità di pompaggio si fermava a 240 litri al giorno.

Appena sabato scorso il quotidiano giapponese Asahi Shimbun aveva reso noto che le acque della falde sotto la centrale stavano risalendo rapidamente e che entro tre settimane sarebbero esondate. TEPCO aveva reso immediatamente noto che era pronta a progettare muri di contenimento in cemento che purtroppo però sarebbero inutili avendo il livello delle acque già superato la possibile altezza. La soluzione immediata adotatta da Tepco consiste nell'iniettare nel suolo sostanze che lo rendano più solido per impedire che l'acqua appunto fuoriesca, ma non si crede molto in questa possibilità.

Via | Les Echos
Foto | revolution et libertes

  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: