Canibal, la macchina che ricicla i rifiuti

Assomiglia a un distributore di bevande, ma è un eco-compattatore in grado di selezionare automaticamente tre tipi differenti di rifiuti

Le lattine di alluminio, le bottiglie e i bicchieri di plastica usa e getta sono un grande problema ecologico: la produzione e lo smaltimento degli imballaggi delle bevande è uno dei costi ambientali più alti nella filiera alimentare. Nella sola Europa, lo scorso anno sono stati consumati 63 miliardi di lattine di bevande, mentre per ciò che riguarda le bottiglie di plastica, nei soli Stati Uniti, se ne stappano 50 miliardi ogni anno. Sono cifre impressionanti che alimentano diversi settori, da quello della distribuzione a quello degli imballaggi.

Una delle fasi più delicate dello smaltimento è la compattazione che Canibal, una macchina smart inventata dal francese Benoit Paget, promette di portare in tutti quei luoghi nei quali si fa un grande utilizzo di questo tipo di bevande.

Canibal “pesa” il rifiuto e ne rileva la natura e, a quel punto, lo compatta e smista nel settore dedicato dove lo comprime. Risultato di questo processo sono dei cubi compatti di rifiuti, pronti per essere riciclati.

"I bicchieri di plastica compressi saranno trasformati in granuli per poi diventare qualcosa di nuovo. Piastre di pavimentazione ad esempio o scrivanie", spiega Paget.

La società francese che ha progettato questa avveniristica compattatrice la testerà in pubblico questa estate negli spazi di alcuni festival musicali, ma, in futuro, si punta a diffondere Canibal in luoghi pubblici di grande passaggio come stazioni ferroviarie e aeroporti, fino ad arrivare negli uffici. Il principale cliente potrebbero essere gli Stati Uniti, paese in cui, ogni anno si consumano 224 miliardi di bevande fuori casa.

canibal

Via | Canibal

Foto | Youtube

  • shares
  • +1
  • Mail