Logo Blogo

Tutti gli articoli con tag energia elettrica

Al G8 di Camp David le raccomandazioni sulla penuria di acqua e energia

pubblicato da Marina Perotta

Gli scienziati di 15 paesi firmano le raccomandazione per lo sviluppo del Pianeta Gli scienziati di 15 paesi richiamano la politica a voler migliorare gli approvvigionamenti di acqua e energia per nutrire una popolazione di nove miliardi persone. Sulla Terra già siamo in 7 miliardi e le previsioni di crescita stimano appunto che entro i prossimi anni si aggiungeranno al bilancio altri 2 miliardi di persone.

Per la prima volta gli scienziati coordinati dall’Accademia Nazionale tedesca delle Scienze Leopoldina, affermano che la mancanza di acqua e energia dovranno essere trattate come parte del medesimo problema. Le raccomandazioni suddivise in tre statements saranno consegnate durante i lavori del G8 che si terrà il 18 e 19 maggio a Camp David negli Stati Uniti e sono state sottoscritto da studiosi delle Accademie delle Scienze di Stati Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna, Brasile, Canada, Francia, Germania, India, Indonesia, Italia, Giappone, Messico, Marocco e SudAfrica.

D’altronde le pressioni sulla disponibilità di acqua e energia già si fanno sentire in numerosi paesi e regioni e dunque potrebbero anche essere anticipate. I carburanti di origine fossile, l’energia nucleare e l’idroelettrico soddisfano il fabbisogno di energia e dipendono largamente dall’acqua per il raffreddamento o per il funzionamento delle turbine per la produzione diretta di energia elettrica. Di contro grandi quantità di energia sono usate per pompare, purificare, dissalare l’acqua nel mondo.

Dopo il salto l’elenco completo dei tre statements.

Continua a leggere: Al G8 di Camp David le raccomandazioni sulla penuria di acqua e energia

....
condividi 0 Commenti

Svizzera post atomo: risparmio energetico e rinnovabili

pubblicato da Marina Perotta

Stop al nucleare in Svizzera si punta a rinnovabili e risparmio energetico

La Svizzera è uscita dal nucleare (la dichiarazione della Confederazione svizzera), restano perciò da mettere in atto le strategie di approvvigionamento energetico. Una prima soluzione arriva dal risparmio volontario di energia nelle imprese. L’Agenzia dell’energia per l’economia (AEnEC) svizzera rileva che dal risparmio energetico volontario nei settori dei servizi potrebbero arrivare entro il 2020 tra gli 1,5 e i 3 TWh. Entro il 2050 saranno 7 TWh.

Volumi interessanti che rafforzano quanto approvato dal Consiglio Federale con il documento Rafforzamento della sicurezza di approvvigionamento e del ruolo della Svizzera come piattaforma per l’interscambio di energia elettrica. In sostanza in questo documento la Svizzera delinea la sua nuova politica energetica post nucleare che vede l’uso delle rinnovabili con in testa l’idroelettrico e forse una centrale a gas da realizzarsi entro il 2020 da usarsi solo per la transizione.

D’altronde Doris Leuthard ministro svizzero per l’ambiente è assolutamente certo che entro il 2050 tutta l’energia svizzera sarà verde. Specifica infatti che il gas sarà usato il meno possibile anche se, come riporta RSI:

Entro il 2020 tre centrali nucleari saranno disattivate e se nel frattempo non saranno stati raggiunti gli obiettivi di risparmio, la Svizzera non potrà fare a meno del gas, ha sottolineato la consigliera federale ricordando che “non sarà la Confederazione a provvedere alla costruzione dell’impianto, essa si limita unicamente a fornire le condizioni quadro”.

Continua a leggere: Svizzera post atomo: risparmio energetico e rinnovabili

Algeria, si concretizza il DESERTEC con l'accordo con Sonelgaz

pubblicato da Marina Perotta

Sonelgaz

E’ stato firmato pochi giorni fa a Bruxelles un Mou, Memorandum d’intesa, per concretizzare ulteriormente il progetto DESERTEC che prevede l’esportazione di energia solare dall’Africa del Nord e Medio Oriente in Europa. A impianti completati, dall’altra sponda del Mediterraneo giungeranno in Ue 10giga watts di energia. L’accordo è stato raggiunto dalla Sonelgaz società statale in Algeria e già un pioniere nell’ibrido solare/gas nella regione MENA (Medio Oriente e Nord Africa) e DII Desertec Industrial Initiative

Ha detto Youcef Youfsi Ministro algerino per l’energia:

Entro il 2030, circa il 40 per cento della produzione di energia elettrica per il consumo nazionale verrà da energia rinnovabile.

Via | AlgerieCity, GreenProphet
Foto | GreenProphet

Breve guida all'illuminazione efficiente: lampade a risparmio energetico

pubblicato da Olivia

Lampade a fluorescenza compatta con differenti temperature

Dopo aver analizzato i criteri che ci consentono di avere un’illuminazione efficiente e dunque a basse emissioni di CO2 e con considerevole risparmio sulla bolletta energetica, passo ad analizzare le caratteristiche dei nuovi tipi di lampadine con i criteri per ottimizzare risparmi e emissioni.

Facciamo innanzitutto due brevi considerazioni:

  • L’illuminazione domestica ha un peso rilevante sui consumi energetici: la quota annua di energia elettrica consumata in Italia è superiore a 7 miliardi di chilowattora, corrispondente a circa il 13 % del consumo totale di energia elettrica nel settore domestico e l’80% dell’illuminazione è obsoleta e non efficiente.
  • I Paesi membri dell’Unione Europea, per ridurre impatto ambientale e consumo energetico, nel 2009 hanno messo al bando progressivamente i prodotti meno efficienti, imponendo il rispetto delle classi di efficienza energetica A, B e C, ove le vecchie lampadine a incandescenza sono classificate come D, E o F.

Uno dei parametri più importanti, nella scelta delle lampade a basso consumo è l’efficienza luminosa che è si esprime in lumen/watt: il parametro definito dal rapporto tra il flusso luminoso emesso (in lumen) e la potenza elettrica assorbita (in watt). Questo parametro definisce il rendimento e di seguito i consumi energetici. Ad esempio, le vecchie lampade ad incandescenza, le più diffuse nel civile hanno una bassissima efficienza: una lampadina da 150 watt emette circa 2.000 lumen, ovvero 2.000:150 = 13 lumen per ogni watt assorbito.

Dopo il salto i valori e l’analisi delle diverse lampadine.

Continua a leggere: Breve guida all'illuminazione efficiente: lampade a risparmio energetico

....
condividi 7 Commenti

Nasce Metso, l'associazione delle reti del mediterraneo: una buona notizia per il futuro delle rinnovabili

pubblicato da Simone Muscas

Sole e fotovoltaicoBuone notizie per il futuro delle rinnovabili: nei giorni scorsi è nata infatti Metso (Mediterranean Trasmission System Operators) ovvero un’associazione che riunirà i gestori delle reti elettriche dei Paesi che si affacciano sul mediterraneo. A darne notizia in un comunicato è Terna, capofila dell’iniziativa. Ma perché la notizia è da considerarsi così importante? E soprattutto: perché a giovarsi di quest’iniziativa potrebbe essere il futuro delle rinnovabili? Ora, al di là degli inevitabili interessi economici che sempre gravitano attorno ad iniziative di una certa portata (come in questo caso), non si può mettere in dubbio che da un punto di vista tecnico questo rappresenti un passo molto importante.

Infatti, l’aumento nel nostro Paese del numero degli impianti rinnovabili aleatori (fotovoltaici ed eolici in primis), sta già determinando, e determinerà sempre più man mano che questi cresceranno ulteriormente (come in parte è già accaduto in Spagna), condizioni di instabilità per le reti; questo succede perché le stesse non hanno la capacità di rispondere ad esigenze di non programmabilità e soprattutto di trasporto per lunghissime distanze.

In sostanza la rete elettrica tradizionale (presente in tutti i Paesi, non soltanto in Italia) non è concepita per sopportare un numero consistente di fonti energetiche discontinue, come lo sono appunto il sole e il vento. L’obiettivo della nascita di Metso è quindi quello di gettare le basi per uno sviluppo concreto di un piano di miglioramento delle rete elettrica internazionale. Il primo passo sarà perciò quello dell’apertura di un nuovo corridoio elettrico tra il Nord Africa e l’Europa, tramite Tunisia e Algeria, che andrà ad aggiungersi alle già presenti linee di interconnessione con l’estero; successivamente si cercherà di mettere a punto la tanto agognata super smart grid europea che, almeno negli intenti di programma, dovrebbe interconnettere tutti i Paesi del Mediterraneo.

Continua a leggere: Nasce Metso, l'associazione delle reti del mediterraneo: una buona notizia per il futuro delle rinnovabili

....
condividi 0 Commenti

Poligenerazione domestica: a Aversa la casa produce energia e calore

pubblicato da Marina Perotta

poligenerazione domestica il progetto a aversa

La microgenerazione è una tecnologia acquisita. La poligenerazione domestica, invece è una pagina ancora tutta da scrivere. Ma cos’è la poligenerezione? Ecco la definizione:

Predisposizione di centrali strutturate, per la produzione di diverse forme di energia (termica, frigorifera, elettrica) tramite un’unica macchina.

Ci lavorano in Campania i ricercatori Benecon il Centro regionale di competenza per beni culturali e ecologia assieme al Sun, Facoltà di Architettura Luigi Vanvitelli della Seconda Università di Napoli. Il prototipo di casa che genera in maniera combinata energia elettrica e calore interessa a mezzo mondo. Infatti il progetto è in fase di presentazione agli scienziati IEA del gruppo Annex 54 fino a domani al Chiostro di San Lorenzo a Aversa, sede del Benecon, riuniti qui per la prima volta.

Veniamo alla poligenerazione domestica che di fatto resta un sistema unico di produzione a cascata di energia elettrica e calore. Il Benecon-Sun ha introdotto la novità della taglia dell’impianto che diviene più piccolo tanto da essere utilizzato per utenze domestiche. L’impianto di poligenerazione domestica è stato fisicamente installato a Frignano nei locali dell’Ars Laboratorio Ambiente-Rappresentazione-Strutture, il laboratorio del Benecon. In cosa consiste? Leggo da Il Mattino (pag. 35 20 settembre 2011) :

L’impianto è basato su un motore a combustione interna alimentato a gas naturale capace di erogare in condizioni nominali 6kW eltterici e 12 kW termici per il riscaldamento e per l’acqua calda sanitaria.

Continua a leggere: Poligenerazione domestica: a Aversa la casa produce energia e calore

....
condividi 3 Commenti

Secondo l'EPIA nel 2013 l'energia solare può costare già come quella convenzionale

pubblicato da Gabriele Capasso


Già nel 2013 l’energia fotovoltaica potrebbe costare quanto quella prodotta da fonti convenzionali, con l’Italia in testa. La conclusione di uno studio sui mercati dei principali paesi europei pubblicato dalla EPIA (Associazione europea delle industrie del fotovoltaico) è convinto che l’energia solare sia già oggi più conveniente di quanto pensano in molti, troppi, compresi alcuni dei leader politici più influenti del vecchio continente.

Il traguardo della piena parità di costi di produzione dell’energia fra i combustibili fossili e il solare nel 2020 sarebbe più a portata di mano di quanto immaginato. Negli ultimi 20 i costi di produzioni del fotovoltaico sono diminuiti costantemente, ma hanno la potenzialità di scendere di un altro 50% entro la fine del decennio, ma secondo l’EPIA l’energia elettrica fotovoltaica potrebbe costare dagli 8 ai 18 cent per KWh entro il 2020.

Già oggi in Germania produce dal carbone a 9 cent di euro e questo costo è previsto in salita grazie alle normative ambientali più stringenti e ai costi per le emissioni di CO2. Il presidente di Epia, Ingmar Wilhelm, è convinto e parla di “esempio italiano da seguire“:

Già oggi, l’elettricità fotovoltaica è più conveniente di quanto molti pensino. Nei prossimi anni lo sarà ancora di più grazie alla tecnologia in costante miglioramento e le economie di scala. Il prezzo di energia elettrica da fonti convenzionali aumenta, solare fotovoltaico diventerà parte pienamente concorrenziale del mix energetico. Il passaggio all’energia solare fotovoltaica non è solo un’opzione auspicabile per il raggiungimento dei nostri obiettivi energetici e ambientali, è anche un obiettivo realistico e competitivo, creando oggi le condizioni per lo sviluppo del fotovoltaico, possiamo garantire che rispetti la sua promessa di un ambiente pulito, fonte di energia sicura e infinitamente rinnovabile e una parte importante del mix energetico europeo.

Via | BusinessGreen

USA: Contatori elettrici intelligenti possono mandare in crisi la rete

pubblicato da Gabriele Capasso


I contatori elettrici “intelligenti” di cui sono dotati alcune centinaia di milioni di americani potrebbero teoricamente mandare in crisi la rete distributiva. Negli USA, dove la battaglia per un consumo sostenibile dell’energia elettrica con comportamenti virtuosi è ancora tutta da combattere, gli utenti sono stati dotati di nuovo contatori elettrici che hanno una significativa novità decisamente più avanzata delle nostre tariffe biorarie.

In qualsiasi momento sull’apparecchio il cliente visualizza il prezzo reale del Kwh in quel momento a seconda della domanda e dell’offerta di energia elettrica. I ritmi sono quelli, simili in tutta Europa, prezzo di punta nei giorni feriali estivi con le fabbriche al lavoro e i condizionatori accesi, ma con questi nuovi apparecchi il consumatore ha la possibilità di decidere il minuto esatto in cui conviene avviare la lavatrice o un altro elettrodomestico dai consumi elevati.

Il problema è che secondo una ricerca dell’MIT di Boston se gli americani divenissero tutti contemporaneamente sensibili alla variazione dei costi rischierebbero di mandare in tilt la rete con una domanda improvvisa di energia non prevista dei normali ritmi di produzione. Lo studio indica, ancora una volta, la fragilità del nostro modello di sviluppo e di sfruttamento energetico, anche quando accompagnato dall’uso delle più sofisticate tecnologie.

Via | MIT News

....
condividi 7 Commenti

Elettricità dal whisky: in Scozia biomasse dagli scarti della distillazione

pubblicato da Marina Perotta

distillerie le biomasse producono energia

Ottenere elettricità da whisky. Effettivamente scritto così sembra alquanto strano poiché dal whisky in genere si ottiene altro. Comunque, il progetto della costruzione di un impianto per le biomasse a Rothes nello Speyside è molto serio e sensato e lo presenta The Guardian.

L’idea è di ottenere energia elettrica dagli scarti di lavorazione del whisky e nasce in collaborazione con Helius energy. Ma gli ambientalisti hanno espresso alcune riserve, sostengono che nella centrale di trasformazione non ci finirà solo lo scarto del malto ma più generico legname di cui si ignora la provenienza. Comunque, al di la di ogni polemica, pretestuosa o meno, l’impianto dovrebbe produrre a regime 7,2 WM di potenza istallata per un impianto CHP e costerà circa 70milioni di euro.

Delle 100 distillerie presenti in Scozia la metà è concentrata a Speyside e il nuovo impianto dovrebbe raccogliere i rifiuti prodotti da 16 distillerie della zona, tra cui quelli di alcuni marchi molto noti di whishy come Glenlivet, Chivas Regal, Macallan, e Famous Grouse. Le biomasse viaggeranno al massimo per 25 miglia.

Foto | Flickr

....
condividi 3 Commenti

Forse possibile avere elettricità senza celle solari

pubblicato da Marina Perotta

energia solare senza celle fotovoltaiche

Potrebbe essere possibile, in un non precisato futuro, ottenere energia elettrica dalla luce senza usare le celle solari. E’ questa la strada della ricerca scientifica che stanno seguendo all’Università del Michigan. Lo studio condotto da Stephen Rand docente al Departments of Electrical Engineering and Computer Science, Physics and Applied Physics, si sta concentrando nello sviluppare una “optical battery”.

La ricerca pubblicata sul Journal of applied physics ha il titolo di Optically-induced charge separation and terahertz emission in unbiased dielectrics e gli autori sono il prof. Rand e il ricercatore William Fisher. Detto in maniera molto brutale e semplicistica: si fa passare la luce attraverso un materiale che non conduca elettricità, come il vetro, il che crea un campo magnetico 100milioni di volte più potente di quanto creduto. L’energia magnetica viene perciò trasformata in energia elettrica.

Spiegano i due studiosi che la luce ha componenti sia elettrici sia magnetici.Finora, gli scienziati hanno sostenuto che gli effetti magnetici potevano anche essere ignorati perché troppo deboli. Rand e colleghi, invece, hanno scoperto che quando la luce viaggia attraverso materiali che non conducono elettricità genera un campo magnetico anche 100milioni di volte superiore a quello fin oggi stimato. In queste circostanze, gli effetti magnetici consentono di sviluppare una consistenze forza elettrica.

Continua a leggere: Forse possibile avere elettricità senza celle solari

....
condividi 3 Commenti