Il lato positivo delle tempeste: più energia eolica

Le tempeste Xaver e Dirk hanno causato molti danni a dicembre nel nord Europa, ma i forti venti hanno anche prodotto una straordinaria quantità di energia rinnovabile in Germania


Non tutti i mali vengono per nuocere: durante lo scorso mese di dicembre la Germania è stata colpita da due tempeste di eccezionale intensità: Xaver (dal 4 al 7) e Dirk (dal 22 al 25) che hanno però dato un'enorme contributo alla produzione di energia eolica.

Xaver ha allagato Amburgo con 6 metri dacqua, senza però provocare vittime in Germania. Nello stesso tempo, i suoi venti a oltre 150 km all'ora hanno assicurato per ben due giorni una quota di produzione eolica superiore al 25% del fabbisogno, con punte del 40%.

Durante il ciclone natalizio Dirk la produzione è stata ancora più alta con tre giorni quasi sempre al di sopra del 35% della domanda. Durante l'anno l'eolico copre in media il 10% dei consumi.

Nessuno naturalmente si augura l'arrivo delle tempeste, ma è interessante osservare che l'energia eolica può funzionare, e al meglio, proprio nei momenti di crisi. Nel nord Europa esiste anche una sorta di complementarità tra produzione solare ed eolico, visto che i forti venti invernali compensano la minore insolazione:


  • estate: eolico 7,4 - FV 13,5  - totale 20,9 TWh

  • inverno: eolico 15,6 - FV 1,8 - totale 17,4 TWh


In questo modo, le oscillazione annue nella produzione congiunta da sole e vento si riducono nettamente rispetto alle produzione separate.

  • shares
  • Mail