Gli abiti in plastica riciclata di Max Mara per la capsule collection Weekend

La bella storia tutta italiana del filato Newlife™ ottenuto da bottiglie di plastica che incontra la Maison Max Mara da cui nasce la capsule collection Weekend in vendita nei negozi del brand

Max Mara, la capsule collection Weekend in poliestere riciclato

Il poliestere Newlife™ prodotto in Italia dalla Saluzzo Yarns incontra la creatività del Made in Italy di Max Mara e ecco nascere una capsule collection chiamata weekend. E' composta da tre escluvi capi: un trench, la gonna e la maglietta con una raffinata stampa piede-de-poule. La collezione sarà negli store a giorni e i capi costano tra i 160 euro e i 500 euro.
Max Mara, la capsule collection Weekend in poliestere riciclato

Il filo è ottenuto grazie a un procedimento meccanico e non chimico che usa le bottiglie di plastica raccolte in Italia e i capi saranno in distribuzione nei 1500 store in 50 Paesi. Il poliestere di Saluzzo Yarns ha ottenuto una serie di certificati e riconoscimenti e dunque è attestato che il risparmio in termini di impatto ambientale rispetto all'uso di poliestere vergine e ci vogliono 30 bottiglie di plastica per ottenere un chilo di filato e occorrono meno 60% di consumo di risorse energetiche con la produzione del meno 32% di emissioni di CO2 e dato ancora più importante si consumano il 94% in meno delle risorse idriche.

La catena di fornitura per la produzione del poliestere ottenuto da bottiglie di plastica non è più verticale ma orizzontale e ciò vuol dire che le aziende sono tutte italiane, certificate e tracciabili. Ma vediamo nel dettaglio i vantaggi ambientali del Newlife™ :


  • Riduce la quantità di plastica da smaltire nelle discariche.
  • Sensibilizza la raccolta differenziata.
  • Valorizza il rifiuto.
  • Il processo meccanico che trasforma le bottiglie di plastica in prodotti tessili non impiega composti chimici dannosi per l’ambiente.
  • Tingere su richiesta il polimero già in fase di filatura (tinto in pasta) evita l’eccessivo dispendio di acqua, che nel tradizionale processo di tintura del filo o del tessuto comporta l’impiego di 10 litri d’acqua per ogni chilo di filo.
  • Il processo produttivo è totalmente Made in Italy.
  • Il processo produttivo, circoscritto all’area del nord Italia, riduce l’impatto ambientale dal punto di vista dei trasporti.
  • L’impiego di poliestere riciclato, che necessita un minor numero di stadi di lavorazione, riduce la quantità di energia impiegata durante il processo produttivo diminuendo sensibilmente le emissioni di Co2.

Via |WWD, C.L.A.S.S.
Foto | C.L.A.S.S.

  • shares
  • Mail