Seguici su

Clima

Ecco come i cambiamenti climatici minacceranno le nostre forniture di energia

A rischio le estrazioni nel golfo per uragani e onde anomale, mentre la siccità minaccia centrali termiche e nucleari, idroelettrico e crescita di biofuel. Al riparo invece la generazione eolica e fotovoltaica, soprattutto locale.

I cambiamenti climatici non minacceranno solo gli approvvigionamenti alimentari (video in alto), ma anche quelle stesse forniture di energia fossile che sono alla loro origine.

A dirlo non è un’associazione ambientalista, ma un rapporto rivolto al congresso del serissimo Government Accountability Office degli Stati Uniti.

La filiera energetica americana mostra infatti grande vulnerabilità al global warming in tutte le sue parti:

(1) Estrazione. I 4000 pozzi di estrazione off shore nel Golfo del Messico (meà della produzione americana)  sono a rischio per l’aumento degli uragani, dei venti forti, delle onde anomale e dell’erosione costiera. Gli uragani Katrina e Rita nel 2005 hanno danneggiato 100 piattaforme (vedi foto nella gallery) e oltre 400 oleodotti sottomarini. La mancanza. La siccità che colpisce sempre di più gli USA ridurra la capacità di raffinazione e di produzione di biofuel.

Il fracking necessita di enormi quantità di acqua che sta già rubando agli usi agricoli e civili nelle regioni più aride.

(2) Trasporto. Oleodotti e linee ferroviarie sono vulnerabili alle tempeste (Katrina danneggiò centinaia di oleodotti anche sulla terraferma), mentre i terminal marittimi del del carbone potranno risentire di allagamenti e innalzamento dei mari. La siccità ridurrà le possiblità di trasporto fluviale.

(3) Centrali elettriche. Le centrali termoelettriche e nucleari hanno vitale bisogno di acqua di raffreddamento (questo è già stato un problema per diversi reattori negli USA le scorse estati). Un quarto delle centrali sono in zone a moderato od alto rischio di siccità entro il 2030, mentre quelle sulle rive degli oceani sono vulnerabili ad allagamenti e uragani. In alcuni casi inoltre l’acqua di mare potrebbe essere troppo calda per garantire un raffreddamento efficace. La siccità naturalmente riduce anche l’output dell’idroelettrico.

(4) Distribuzione. Gli elettrodotti sono sensibili alle tempeste e agli eventi climatici estremi, come incendi e gelo (vedi gallery).

Conclusione: gli impianti di energia rinnovabile, fotovoltaico ed eolico, sono i meno soggetti a rischio, soprattutto se l’energia viene usata localmente e non trasportata su lunghe distanze.

 


Energia a rischio per i cambiamenti climatici [blogo-gallery id=”156996″ photo=”1-4″ layout=”slider”]

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa