Seguici su

Moda sostenibile

A Fa la cosa giusta 2014 la raccolta di jeans usati da trasformare in scarpe vegane

Un progetto di riuso dei jeans originale e creativo: trasformarli in un paio di scarpe grazie all’abilità di Cammina Leggero marchio delle calzature vegane che espone a Fa la cosa giusta a Milano

Ballerine Mary Jane – CamminaLeggero – Animal Free Shoes – 100% Vegan Made in Italy from CamminaLeggero on Vimeo.

Da domani 28 marzo al 30 marzo si tiene a Milano Fa la cosa giusta manifestazione dedicata allo stile di vita sostenibile. E all’interno di questo incredibile contenitore si sono moltiplicate le proposte di piccoli laboratori artigianali che mettono in pratica quanto di più sostenibile e ecologico vi sia. E’ il caso di Cammina Leggero, una piccola azienda che produce scarpe vegane, ossia in cui non è usata la pelle e né alcun altro derivato animale, con materie prime sono italiane e l’intera filiera di produzione è breve.

E’ di fatto un laboratorio artigianale che punta sulla qualità della produzione piuttosto che sulla quantità e che presta particolare attenzione all’ambiente.

Ecco nascere la proposta di raccogliere i jeans vecchi durante la Fiera per riciclarli in un paio di scarpe. La rottamazione, diciamo così non è proprio gratuita poiché Cammina leggero offre il 10% di sconto sugli acquisti. E tocchiamo il tasto dei prezzi che sono in linea e forse anche meno cari rispetto a manifatture analoghe. In effetti qui a pesare meno sono i costi della pubblicità e la filiera corta che abbattono notevolmente i prezzi. Un paio si scarpe da donna costano in media 87 euro con punte più alte per gli anfibi che arrivano a 150 euro.

I materiali usati sono la microfribra e altri che invece hanno origine vegetale (sughero, cascami tessili e resine ad esempio).Rispetto alla scelta di usare proprio una plastica come la microfibra derivata dal petrolio spiega Cammina Leggero:

Pur essendo un materiale di sintesi che deriva dal petrolio, la microfibra utilizzata per la produzione delle nostre calzature ha un impatto ambientale molto basso rispetto al peso degli allevamenti intensivi e dei processi di concia da cui derivano le scarpe del mercato tradizionale. La nostra microfibra non contiene sostanze inquinanti e allergizzanti quali ammine aromatiche, amianto, formaldeide, pentaclorofenolo, PVC, ftalati, coloranti azoici, cromo ed esacromo.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa