Seguici su

Alimentazione

A Pasqua per il 58% degli italiani niente agnello ma tante uova

Oltre la metà degli italiani ha rinunciato all’agnello per il pranzo di Pasqua e Pasquetta

Non sappiamo se a causa della crisi economica o se a causa dei messaggi degli animalisti ma è certo che in questa Pasqua abbiamo assistito a una flessione dei consumi di carne, sopratutto di agnello. Infatti secondo le proiezioni SWG circa il 58% degli italiani non lo ha acquistato mentre l’agnello pasquale è stato presente solo sul 31% delle tavole del Bel Paese. Per le Feste pasquali si sono vendute circa 30 mila tonnellate di carni ovine con una flessione del 3% rispetto allo scorso anno. Per gli allevatori non c’è dubbio, la responsabilità di tale flessione è da additare agli animalisti che sostengono la dieta vegetariana seguita in Italia da 4,2 milioni di persone.

Proprio lo scorso anno, quando pure si registrò una flessione nelle vendite a intervenire contro gli animalisti fu la Cia Toscana. Spiegò il presidente di Cia Grosseto Enrico Rabazzi:

E’ l’ora di finirla con queste invenzioni da parte delle associazioni animaliste, che ogni anno invitano i consumatori a non mangiare carne di agnello, per chissà quale scopo che solo in apparenza è ideologico. Si gioca sulla pelle e sull’economia di migliaia di aziende zootecniche italiane e toscane che sono già alle prese con una crisi di mercato e di consumi – oltre che con i crescenti costi di produzione – che dura da ormai troppi anni. Nel periodo della Pasqua i nostri allevatori vendono circa il 20-25% dei capi dell’intera produzione annuale, riuscendo a strappare prezzi migliori di 1 euro al kg rispetto al resto dell’anno. E c’è chi tutto questo fa finta di non ricordarlo e specula sul futuro degli agricoltori.

La flessione è progressiva e dura almeno da sette anni e la Cia ha calcolato che quest’anno i consumi si sono contratti del 3%; si sono acquistate anche meno uova di cioccolato e colomba pasquale (-9%) probabilmente perché si preferiscono le ricette casalinghe tant’è che sono aumentate del 12% le vendite di uova, zucchero, farina, burro e lievito. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori. Alla carne si sono preferite le uova e ne son state consumate circa 400 milioni. La spesa media del menù casalingo è stata di 60 euro; si sono acquistati anche meno salumi (-1,2 per cento), formaggi (-1 per cento) e ortofrutta (-0,6 per cento).

Via | Nel Cuore, Nove da Firenze, All4animals

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa