Terribile ondata di calore fa centinaia di vittime in India

Le temperature sono rimaste intorno ai 45 gradi per una settimana. Urbanizzazione, cemento e traffico le principali cause del microclima negativo delle città


Il monsone è in ritardo e l'India sta sperimentando uno dei più caldi mesi di giugno a memoria d'uomo.

Il termometro è rimasto intorno ai 45 °C per un'intera settimana su tutto il subcontinente, causando 169 morti nello stato meridionale dell'Andra Padresh, mentre nella capitale il caldo unito alla elevata concentrazione di ozono ha determinato 79 vittime tra i senza tetto.

Secondo Jenamani, direttore dell'ufficio meteorologico di Dehli, il fenomeno non è tanto legato ai cambiamenti climatici, ma ad una combinazione di urbanizzazione, eccesso di cemento e di automobili che acuisce l'impatto dell'ondata di calore.

Le temperature crescono più rapidamente al mattino e rimangono alte fino a notte inoltrata nelle aree edificate e congestionate dal traffico. Molte zone dell'India stanno diventando delle vere e proprie isole di calore.

I picchi di domanda di energia per ventilatori e aria condizionata hanno causato numerosi e frequenti black out, aumentando l'esasperazione e la rabbia della popolazione. La produzione elettrica indiana è cresciuta notevolmente negli ultimi trent'anni, ma fatica a tenere il passo con l'aumento della popolazione, che ha raggiunto un miliardo e 250 milioni di persone.
INDIA-WEATHER-SUMMER

  • shares
  • Mail