Seguici su

Inquinamento

Corteo No Muos fin dentro la base militare di Niscemi per la “liberazione simbolica”

“Liberazione simbolica” è questo il senso del corteo che si è tenuto ieri a Niscemi e animato da oltre 2 mila persone. La richiesta fatta al governo italiano e americano: togliete le antenne dalla Sicilia, da Niscemi e dalla Sugheraia.

La manifestazione chiamata Liberazione simbolica dalle antenne militari MUOS presso la base militare di Niscemi NRTF-8 si è conclusa ieri sera con la pacifica occupazione del suolo e dopo 48 ore di impegno che hanno portato gli attivisti a dormire anche sulle strutture metalliche.

Infatti, la protesta è iniziata la sera dell’8 agosto con la scalata delle torri in metallo delle antenne dove una decina di attivisti, grazie a delle amache ha trascorso la notte. Il corteo, invece si è realizzato dalle 15 del 9 agosto e vi hanno preso parte circa 2 mila persone che hanno manifestato con orgoglio, dignità e in pace contro l’installazione militare e che in serata sono riusciti a aprirsi un varco tra le reti e è riuscito a entrare nella base. L’intervento delle forse dell’ordine ha sciolto il corteo e la manifestazione con lo strascico delle maniere forti.

E’ una lotta disperata quella del popolo siciliano che intende far rispettare la propria determinazione sul territorio. Lo abbiamo scritto molte volte: le antenne sorgono in un’area abitata, tropo vicino alle case e studi confermano che questo genere di installazioni non è compatibile con l’ambiente e la vita. A preoccupare gli abitanti di Niscemi, infatti, il fascio di onde elettromagnetiche a cui saranno sottoposti una volta messe a regime le antenne militari, armamentario americano per una guerra globale.

Il governo americano ha organizzato nei mesi scorsi una massiccia operazione sulla stampa locale e nazionale per convincere i siciliani che le antenne sono sicure, arrivando a pagare il viaggio a 5 giornalisti e 2 cineoperatori affinché divulgassero sulle rispettive testate le informazioni unilaterali. Lo scorso giugno le mozioni presentate dall’intergruppo dei parlamentari per la pace con la richiesta della sospensione immediata della installazione delle antenne e un pronunciamento sulla incostituzionalità sono state respinte da Camera e Senato.

Resta l’ultima speranza per i siciliani (ma anche per gli italiani) racchiusa in una data: 24 novembre 2014 quanfo il Tar Sicilia di Palermo emetterà il suo pronunciamento in merito alla legittimità dell’impianto MUOS a Niscemi. A sostenere questa battaglia non solo i cittadini ma anche i sindaci che non sono stati informati preventivamente della costruzione dell’impianto e a cui nessuno ha chiesto un parere.

Ha detto Leoluca Orlando sindaco di Palermo:

Siamo a fianco dei pacifisti che anche oggi, manifestando contro il Muos, dicono no alla guerra e dimostrano che non è vero che se se vuole la pace bisogna preparare la guerra.

Via | Essepress, La Sicilia
Foto | No [email protected]

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa