Seguici su

Agricoltura

Ulivi malati, in Puglia è polemica per i rimedi Ue contro la xylella

Sono 23mila gli ettari di uliveti ammalati a causa del batterio, ma per la Copagri leccese la soluzione non è nell’eradicazione

In Puglia è polemica per le misure draconiane prese dalla Commissione Europea per arginare la malattia che sta devastando le coltivazioni di ulivi nella regione. Il batterio delle xylella ha già infettato 23mila ettari di uliveti, ma gli agricoltori ritengono che l’eradicazione prevista dall’Ue non sia la soluzione ottimale per limitare i danni che rischiano di mettere in ginocchio una delle aree in cui si concentra una buona parte della produzione nazionale.

Secondo la Copagri di Lecce l’ostacolo potrebbe essere rimosso sdoppiando la “zona infetta” in due diverse aree, la “zona tampone” e la “zona insediamento”, circoscrivendo l’emergenza ai focolai (su tutti quelli di Lecce-Surbo e Trepuzzi-Squinzano. Nelle restanti aree si potrebbero applicare azioni di contenimento e di convivenza con il batterio.

Sempre secondo Copagri leccese risolvere il problema attraverso l’eradicazione della Xylella è “un’utopia” poiché il batterio è già diffuso su di una vasta area e potrebbe essere ospitato da altre specie vegetali sensibili e diffuso dagli insetti vettori. Non solo l’eradicazione non raggiungerebbe l’obiettivo prefissato, ma arrecherebbe danni ai coltivatori visto che verrebbero tagliate piante potenzialmente produttive.

In marzo, a Torre Chianca, uno scienziato barese ha iniettato negli alberi contaminati dal batterio dell’“acqua informatizzata” e, dopo cinque mesi, la vegetazione si è ripresa, anche laddove il batterio aveva già distrutto i vasi linfatici della pianta. Anche per questo Fabio Ingrosso di Copagri chiede che l’intervento non venga deciso solamente nelle remote stanze di Bruxelles:

Occorre quindi attivare il monitoraggio dell’area che dovrà svolgere il ruolo di cordone sanitario attraverso il coinvolgimento delle Associazioni olivicole e delleorganizzazioni di prodotto (le o. p.) olivicole in maniera da raggiungere tutti gli olivicoltori delle aree interessate e non iniziando l’attività dei trattamenti a calendario, cosi come si faceva negli anni passati per la lotta alla mosca dell’olivo: ciò consentirebbe la riduzione dei vettori; inoltre, attraverso i tecnici presenti nelle associazioni e coinvolgendo gli ordini professionali si avrebbe un’autentica task force da mettere in campo per informare e allo stesso tempo controllare che tutti i trattamenti vengano effettuati nel rispetto delle norme ambientali, Provinciali, Regionali, Nazionali e Comunitarie.

Via | LecceNews 24

Foto | Davide Mazzocco

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa