Seguici su

Inquinamento

Terra dei Fuochi, Mantovani (ISS) e Lorenzin contestati a Napoli al forum Greenaccord

I comitati Stop Biocidio interrompono il convegno al Forum Greenaccord a Napoli dove al posto del ministro Beatrice Lorenzin era presente Alberto Mantovani direttore dell’ISS, l’Istituto Superiore di Sanità per contestare le cause della mortalità nella Terra dei Fuochi


Un gruppo di attivisti della coalizione Stop Biocidio si è presentato stamane all’XI Forum Internazionale di Giornalismo ambientale di Greenaccord a Napoli presso l’Università Suor Orsola Benincasa, nel corso della Tavola rotonda Sicurezza alimentare e qualità del cibo, dove avrebbe dovuto presenziare il ministro per la Salute, Beatrice Lorenzin. Ma al suo posto gli attivisti hanno trovato Alberto Mantovani, dirigente dell’ISS, l’Istituto Superiore di sanità.

[img src=”https://media.ecoblog.it/s/sto/stop-biocidio-napoli/stop-biocidio-3.jpg” alt=”Stop Biocidio Napoli” height=”348″ title=”Stop Biocidio Napoli” class=”post centered”]

L’irruzione, vigorosa ma pacifica, aveva come obiettivo la contestazione alle dichiarazioni del ministro Lorenzin, più volte espresse circa le cause dell’aumento della motalità per cancro in Campania, attribuite agli scorretti stili di vita (fumo, alimentazione errata, abuso di alcol, scarsa attività sportiva, ecc.).

Scrivono gli attivisti in una nota diffusa via Facebook:

Abbiamo interrotto il convegno e preso la parola per chiedere conto ad Alberto Mantovani, che parlava con delega del Ministro, delle assurde dichiarazioni del Ministro Lorenzin che ci vuole far credere che l’aumento delle morti per tumore nella Terra dei Fuochi è dovuto ai cattivi stili di vita. I bambini che muoiono di leucemie e tumori, di certo non bevono alcol e non fumano sigarette. Mantovani ha affermato che l’aumento delle patologie nei pressi dei siti inquinati non è frutto dei cattivi stili di vita, smentendo di fatto il Ministro Lorenzin. Fino a quando il Ministero della Salute non prenderà provvedimenti strutturali per garantire il diritto alla prevenzione ed alle cure nella Terra dei fuochi, ovunque la signora Lorenzin deciderà di andare sul nostro territorio saremo pronti a contestarla.

o[img src=”https://media.ecoblog.it/s/sto/stop-biocidio-napoli/stop-biocidio-1.jpg” alt=”Stop Biocidio Napoli” height=”348″ title=”Stop Biocidio Napoli” class=”post”]

Qualche giorno fa anche don Maurizio Patriciello il parroco del Parco Verde a Caivano esprimeva la sua contestazione nei confronti del ministro Lorenzin a proposito delle sue dichiarazioni sulle cause di morte per cancro nella Terra dei Fuochi, ossia gli stili di vita. Lo Studio SENTIERI pubblicato con il suo aggiornamento lo scorso luglio, sottolineava l’elevato tasso di mortalità in Campania per cancro e la Lorenzin subito dopo però invitava a non fare del facile allarmismo rimandando le conclusioni ai dati degli screening, ovvero le analisi sulle contaminazioni ambientali subite dalle popolazioni della Terra dei Fuochi (provincia di Caserta e Napoli). Screening sanitari gratuiti mai partiti.

Conclude la nota degli attivisti della Coalizione Stop Biocidi:

La presa di posizione dell’Istituto Superiore di Sanità non fa altro che rafforzare le nostre denunce. Ora però è tempo di amplificare la lotta e di costruire un percorso di mobilitazione generale. Per questo diamo appuntamento all’assemblea pubblica che si terrà il prossimo Venerdi’ 17 Ottobre, presso il Laboratorio Insurgencia di Capodimonte a Napoli, per costruire insieme a tutti i comitati che si riconoscono nel percorso di Stop Biocidio, una agenda di mobilitazioni per tutto l’autunno.

Stop Biocidio Napoli

[blogo-gallery title=”Stop Biocidio Napoli” slug=”stop-biocidio-napoli” id=”157690″ total_images=”0″ photo=”1,2,3,4″]

Foto | Stop [email protected]

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa