Seguici su

Inquinamento

Il villaggio di Natale, dalla città di Yiwu arriva il 60 per cento della merce natalizia made in China

Il villaggio di Natale in Cina consiste in una città che produce oggettistica natalizia e che con la sua merce rifornisce il 60 per cento del mercato mondiale

La città di Yiwu dista circa 250 chilometri da Shanghai e è conosciuta per essere il villaggio di Natale. In Cina, il Natale non esiste se non come riflesso di una festa che arriva dall’Occidente. L’oggettistica natalizia a YiWu è però la componente principale della produzione delle circa 600 fabbriche. Hanno calcolato che il 60 per cento di tutta la merce natalizia presente sul mercato mondiale arriva proprio da questa piccola città.

Toby Smith è un fotografo che lo scorso agosto su commissione della Unknown Fields Division, uno “studio di design nomade” ha viaggiato tra Cina e Vietnam per esplorare le condizioni di produzione di tutta la merce che dall’Oriente arriva in Occidente.

La catena di montaggio è umana e gli operai e le operaie, spesso ragazzi e ragazze giovanissimi, lavorano a mani nude a contatto con ogni sostanza chimica e senza adeguate protezioni. Gli orari di lavoro sono intensi anche se l’atmosfera che si vive in queste fabbriche, spesso a conduzione familiare, sembra serena.

Nel video del mini reportage viene mostrato tutto il percorso dell’oggettistica natalizia che prodotta dagli operai e operaie delle tante fabbriche di Yiwu viene imballata e poi spedita via mare nei porti di tutto il mondo.

Su Sina le foto che testimoniano le condizioni di lavoro degli operai di una delle fabbriche di YiWu addetti alla colorazione delle plastiche.

Infine, per rendere ancora più efficiente la distribuzione di questi prodotti in Europa, è stato stretto un accordo tra Cina e Spagna, che prevede il collegamento ferroviario più lungo del mondodalla città di Yiwu fino a madrid e che copre circa 13 mila chilometri. Il convoglio ferroviario carico della merce natalizia attraversa il Kazakistan, la Russia, la Bielorussia, la Polonia, la Germania e la Francia prima di arrivare al terminal merci di Abroñigal a Madrid. La ferrovia è stata soprannominata la Vioa della Seta del 21esimo secolo in quanto il suo persocrso è più lungo della linea Transiberiana e dell’Orient Express. Il primo treno, il cui viaggio è durato 3 settimane contro le 6 settimane di una nave, è stato accolto dal sindaco di Madrid, Ana Botella, e dal ministro spagnolo dei lavori pubblici, Ana Pastor. Si trattava di 30 vagoni che hanno trasportato di 1.400 tonnellate di merci – per lo più giocattoli, cancelleria e altri articoli in vendita nel periodo di Natale in tutta Europa.

L’ambasciatore cinese in Spagna, Zhu Banzão ha detto che il treno ripartirà per la Cina carico di vino, prosciutto e olio d’oliva in tempo per il nuovo anno cinese nel mese di febbraio.

Yiwu è più grande hub del commercio all’ingrosso del mondo per i piccoli beni di consumo e il viaggio è stato un test per valutare la fattibilità di aggiungere la Spagna a un percorso che collega già la Cina con la Germania cinque volte a settimana, con treni da Chongqing, grande città industriale nel sud-ovest della Cina, a Duisburg e Pechino con Amburgo.

Il trasporto su rotaia è certamente più ecologico, tuttavia, il carico è stato trasferito tre volte durante il viaggio a causa dei calibri ferroviari incompatibili e la locomotiva cambiata ogni 500 chilometri. Il servizio è gestito da InterRail Servizi e DB Schenker Rail e in Spagna dal ramo spagnolo di DB, Tranfesa.

Via | Qz, The Guardian
Foto | Unknow Fields [email protected] Smith

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa