Seguici su

Cronaca ambientale

Emergenza rifiuti Sicilia: tonnellate di spazzatura per strada dopo lo stop della raccolta

In provincia di Palermo, lunga la costa nord, ma anche in tutto il resto della regione si segnalano roghi e una situazione sempre più critica.

L’emergenza rifiuti in Sicilia è una prevedibile conseguenza di quanto deciso dalla regione in data 30 dicembre 2014, quando un’ordinanza rende noto il divieto di gettare la spazzatura per lo stop alla raccolta previsto dal 31 al 6 gennaio in 40 comuni della provincia di Palermo e in altri 24 a partire dal gennaio fino al 13 (nella zona dell’agrigentino). Il tutto per dare la possibilità ad altri comuni – della zona di Trapani e Messina – di poter finalmente raccogliere la spazzatura bloccata dal 20 dicembre. Ma com’è possibile che si sia creata una situazione del genere?

Il punto sembra essere, prima di tutto, la chiusura della discarica privata della Siculiana nei dintorni di Agrigento, che ha portato rapidamente al collasso la discarica di Catania. Da qui la decisione del turn-over nella raccolta dei rifiuti che ha portato all’emergenza di cui si parla (fin troppo poco) in questi giorni. Al di là delle ragioni strette che hanno causato questa situazione, vanno segnalate anche le accuse lanciate dal sindaco di Palermo Orlando: “La verità che si sta creando l’emergenza per consentire alla discarica di Siculiana, discarica privata, di riaprire i battenti e poter accogliere fino a 3 mila tonnellate di spazzatura”.

E così, in provincia di Palermo, lungo la costa del nord della Sicilia e in tutta la regione tornano a vedersi i roghi di rifiuti. Tonnellate di rifiuti ammassati per strada a cui i residenti danno fuoco per riuscire a liberarsene. I roghi vengono segnalati soprattutto lungo le strade che costeggiano l’autostrada Palermo Mazara del Vallo; ma anche a Palermo città, Termini Imerese, Carini e non solo. D’altra parte proprio la zona industriale di Carini si è trasformata in una discarica a cielo aperto, che ha costretto i pompieri a intervenire in forze per spegnere i tanti incendi.

Il fatto che la raccolta sia ripresa nei 40 comuni della provincia di Palermo non aiuta a risolvere il problema, visto che gli arretrati sono troppi e non si riesce a smaltire quanto accumulato sulle strade nella settimana di blocco. E questo nonostante il sindaco di Palermo Orlando abbia consentito ai comuni di sfruttare la discarica di Bellolampo. La situazione che si è venuto a creare nei giorni di stop è critica; i soldi scarseggiano per poter affrontare lavori extra e l’emergenza rifiuti rischia di protrarsi ancora a lungo.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa