Seguici su

Nucleare

Incendio a Chernobyl: allarme per la dispersione di radioattività

Secondo Greenpeace i rischi connessi alla dispersione sono altissimi. Qualora non si riuscisse a controllare l’incendio, la dispersione di particelle radioattive potrebbe essere di poco inferiore a quella dell’incidente del 1986

È ancora allarme nella zona di Chernobyl dopo l’incendio scoppiato alcuni giorni fa. I Vigili del Fuoco hanno continuato a spegnere alcuni focolai minori in un’area di circa 70 ettari nella zona di esclusione della centrale nucleare di Chernobyl, teatro dell’incidente del 1986.

Anche se le autorità bielorusse e ucraine hanno affermato che il livello di radioattività è nella norma, diversi esperti russi e ucraini continuano ad ammonire sul rischio che il fumo dell’incendio, trasportato dal vento, possa veicolare particelle radioattive.

Greenpeace stima che gli incendi in corso nei boschi attorno alla centrale di Chernobyl possano causare una notevole dispersione della radioattività a causa della notevole contaminazione delle foreste e dei terreni situati attorno alla centrale:

i quantitativi totali di materiali radioattivi rilasciati da questi incendi potrebbero essere potenzialmente equivalenti a quelli di un incidente nucleare rilevante.

I primi incendi nell’area sono stati segnalati il 26 aprile, nel giorno del ventinovesimo anniversario del disastro del 1986. La dispersione della radioattività avviene con il rilascio dei fumi dell’incendio ed è dispersa a seconda dell’andamento dei venti e dell’altezza del pennacchio di fumo e di altri fattori meteorologici.

Secondo Greenpeace negli incendi precedenti la radioattività ha raggiunto il territorio turco. Sulla base dei dati satellitari gli esperti dell’associazione ambientalista ha stimato in 13.300 gli ettari interessati dall’incendio, di cui circa 4100 sarebbero andati a fuoco.

Proprio all’inizio di quest’anno era stata presentata un’analisi dettagliata sul rischio di incendio a Chernobyl e, nell’ipotesi peggiore, il rilascio di radioattività in atmosfera era stato quantificato al livello 6 della scala Ines, appena un “gradino” al di sotto del livello 7 al quale furono collocati sia l’incidente del 1986 che quello avvenuto a Fukushima nel 2011. Anche dopo 29 anni i rischi di dispersione non possono essere controllati e qualora non si riuscisse a circoscrivere l’incendio il rischio di dispersione diventerebbe un’emergenza per l’Europa orientale.

UKRAINE-CHERNOBYL-CONFINEMENT

Foto | Google Earth

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa