Seguici su

ZONE GEOGRAFICHE

Homo Naledi: la nuova specie umana scoperta in Sudafrica

La scoperta annunciata oggi, ma ci sono ancora molti dubbi sulla nuova specie umana scoperta in una grotta: l’Homo Naledi.

homo naledi nuova specie umana

Homo Naledi, è questo il nome attribuito alla nuova specie umana la cui scoperta è stata annunciata oggi dalla University of Witswaterstrand di Johannesburg, dalla National Geographic Society e dal Dipartimento per la Scienza e la Tecnologia/National Research Foundation del Sudafrica.

Il ritrovamento dei resti dell’Homo Naledi è infatti avvenuto in Sudafrica, per la precisione nella grotta chiamata Rising Star che si trova a circa cinquanta chilometri dalla capitale Johannesburg. Una grotta quasi inaccessibile, tanto che per la missione è stato necessario arruolare un team di speleologi particolarmente magri e in grado quindi di infilarsi in ostici pertugi.

Ne è valsa la pena, però, perché i 1.500 elementi fossili che sono stati recuperati tra il 2013 e il 2014 – e già assemblati, in modo da fornire questa nuova specie di uno scheletro pressoché integro – dimostrano che Homo Sapiens, Homo di Neanderthal e gli altri già noti non completano il quadro degli “antenati” dell’uomo.

Homo Naledi: le caratteristiche

I frammenti recuperati, compresi quelli utilizzati per ricostruire lo scheletro, appartengono a una quindicina di individui diversi: con età, altezza, massa differente. Ciononostante alcuni tratti tipici di questa nuova specie umana si iniziano a intuire: un metro e mezzo di altezza, circa 45 chili di peso. Il cranio e le dimensioni del cervello sono piccole, come quelle classiche dell’Homo erectus. La parte superiore del corpo sembra adatta all’arrampicamento, come quella dell’Australopithecus afarensis. I piccoli denti ricordano quelli di specie umane più recenti.

Si nota anche però un pollice forte e un uso complesso del polso, che ricordano da vicino quelle dell’homo sapiens e che dimostrano un uso regolare di questi strumenti. E però, le dita ricurve sono un ulteriore dimostrazione di come questo ominide fosse un grande arrampicatore. Si pensa anche che usasse già seppellire i propri morti.

Per il momento, anche a causa di tutte queste peculiarità, è impossibile capire dove collocare, in termini temporali, l’Homo Naledi. Anche perché utilizzare i classici strumenti per la datazione si sta rivelando particolarmente complicato, a causa dell’isolamento completo in cui questi resti sono stati ritrovati. E c’è anche la possibilità che si tratti di una specie sopravvissuta a lungo, anche in tempi relativamente recenti, nel più completo isolamento.

Quel che è certo è che questa scoperta, una volta di più, dimostra come l’idea di una evoluzione lineare dall’australopiteco all’homo sapiens sia da scartare. Mentre i tanti rami del nostro albero evolutivo si fanno sempre più complessi.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa