Seguici su

Animali

Storie di uomini e lupi, una narrazione differente

Alessandro Abba Legnazzi e Andrea Deaglio fanno piazza pulita degli stereotipi che accompagnano la figura del lupo

[blogo-video id=”159917″ title=”Storie di uomini e lupi” content=”” provider=”youtube” image_url=”https://media.ecoblog.it/2/2a3/maxresdefault-jpg.png” thumb_maxres=”1″ url=”https://www.youtube.com/watch?v=HtjjYFWkVfE” embed=”PGRpdiBpZD0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMTU5OTE3JyBjbGFzcz0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudCc+PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iNTAwIiBoZWlnaHQ9IjI4MSIgc3JjPSJodHRwczovL3d3dy55b3V0dWJlLmNvbS9lbWJlZC9IdGpqWUZXa1ZmRT9mZWF0dXJlPW9lbWJlZCIgZnJhbWVib3JkZXI9IjAiIGFsbG93ZnVsbHNjcmVlbj48L2lmcmFtZT48c3R5bGU+I21wLXZpZGVvX2NvbnRlbnRfXzE1OTkxN3twb3NpdGlvbjogcmVsYXRpdmU7cGFkZGluZy1ib3R0b206IDU2LjI1JTtoZWlnaHQ6IDAgIWltcG9ydGFudDtvdmVyZmxvdzogaGlkZGVuO3dpZHRoOiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7fSAjbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMTU5OTE3IC5icmlkLCAjbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMTU5OTE3IGlmcmFtZSB7cG9zaXRpb246IGFic29sdXRlICFpbXBvcnRhbnQ7dG9wOiAwICFpbXBvcnRhbnQ7IGxlZnQ6IDAgIWltcG9ydGFudDt3aWR0aDogMTAwJSAhaW1wb3J0YW50O2hlaWdodDogMTAwJSAhaW1wb3J0YW50O308L3N0eWxlPjwvZGl2Pg==”]

Dopo essere scomparso da gran parte del territorio italiano, il lupo è ritornato prepotentemente nell’ultimo mezzo secolo, diffondendosi a nord sull’arco alpino e a sud verso le montagne della Calabria. Storie di uomini e lupi, il documentario di Alessandro Abba Legnazzi e Andrea Deaglio, presentato al festival Cinemambiente in corso di svolgimento a Torino, indaga il fenomeno della “dispersione” ovvero la ricerca di nuovi habitat da parte dei lupi.

I due registi intervistano alcuni esperti, osservano gli escursionisti e i fotografi che cercano il contatto visivo con questi animali, pedinano i veterinari che curano i lupi feriti, ascoltano i racconti dei pastori che vedono nel lupo una minaccia per la loro unica forma di sostentamento. Il documentario si svolge prevalentemente sulle Alpi liguri, piemontesi e francesi, ma vi è anche una parentesi nelle pianure della Mongolia.

Secondo uno dei protagonisti del documentario, il prepotente ritorno dei lupi, causato in maniera indiretta dal ripopolamento delle loro prede (cervi, caprioli e daini) sta provocando una recrudescenza di antiche paure che vanno affrontate con “una mentalità moderna, non con le paure del medioevo”.

Ma il concetto che emerge con maggior forza è l’obiettività con la quale occorre guardare al problema dei lupi. Come spiega Mariano Allocco, uno degli intervistati, “la città mette al centro l’ambiente, noi, che in questi luoghi ci viviamo, mettiamo al centro l’uomo”. Il lupo diventa il paradigma di questa situazione:

[quote layout=”big”]“[Ci sono, ndr] coloro che vedono il lupo con l’occhio romantico, guardandolo dai condomini della città o della pianura, dove il lupo non andrà mai. E dall’altra parte ci siamo noi che vediamo la presenza del lupo come un attacco inaccettabile alle nostre libertà. La libertà per la montagna è sempre stata un valore insindacabile e tenendo conto che, per esempio, questo è successo con la Resistenza, partita dalla montagna, se un conflitto dovrà esserci atterrà alla difesa della libertà e su questo saremo sicuramente intransigenti”. [/quote]

Girato in maniera molto asciutta, Storie di uomini e lupi intercetta a più riprese i lupi in libertà, regalando grandi emozioni allo spettatore, ma i due autori riescono ad affrancarsi da qualsiasi intento celebrativo, mostrando l’altra faccia della medaglia, le conseguenze della dispersione per chi, in montagna, continua a vivere di allevamento. Un documentario che propone una prospettiva nuova, della quale anche l’ambientalismo più radicale dovrebbe prendere coscienza.

Foto | Cinemambiente

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa