Seguici su

Agricoltura

Una giornata in difesa dell’olio extravergine italiano

Nell’ultimo decennio un italiano su quattro ha rinunciato all’olio di oliva extravergine

Dopo un raccolto 2014 caratterizzato dalle perdite dovute alla Xylella fastidiosa, per l’olivicoltura italiana il 2015 è stato un anno di ripresa. Nonostante il ritorno meglio rimanere per terra, anche perché il recente caso della frode di alcuni fra i più noti olii di oliva italiani venduti come extravergine pur essendo di oliva dimostra che i problemi della filiera restano parecchi.

Oggi, martedì 1° dicembre 2015, Coldiretti ha deciso di celebrare la Giornata nazionale dell’extravergine italiano, per farne conoscere le caratteristiche e le qualità. Secondo una recente analisi compiuta dalla stessa Coldiretti, molti italiani stanno rinunciando a quello che da oltre due millenni è, insieme al grano e al vino, uno dei tre pilastri della dieta mediterranea.

Negli ultimi dieci anni gli italiani hanno tagliato del 25% l’acquisto di olio d’oliva, mentre il consumo annuo pro capite è sceso a 9,2 chili all’anno, molto meno rispetto alla Spagna (10,4 kg a persona all’anno) e alla Grecia (16,3 kg pro capite all’anno).

Coldiretti invita i consumatori a leggere le etichette, a fare attenzione ai prodotti che si acquistano e a considerare l’olio extravergine d’oliva come uno degli elementi imprescindibili di una dieta sana ed equilibrata.

I 250 milioni di ulivi diffusi in tutta Italia hanno garantito una produzione da record dal punto di vista qualitativo: rispetto a un anno fa la crescita potrebbe far registrare, nella migliore delle ipotesi, un + 46%.

Come si fa a sapere che si sta acquistando un olio extravergine? La prima discriminante è il prezzo: per coprire i costi di produzione dell’extravergine il costo deve essere almeno di 6-7 al litro, al di sotto di questa cifra potrebbe trattarsi di un olio straniero oppure di un semplice olio d’oliva non extravergine.

Via | Ansa

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa