Auto elettriche, gli Usa approvano l’obbligo di rumore

Dal settembre 2019 tutte le auto elettriche dovranno emettere un rumore a velocità inferiori ai 30 km/h

2e49c906-da56-46c8-8cae-2e6c37698da4augure.jpg

La silenziosità delle auto elettriche è uno degli aspetti ambivalenti con i quali i regolatori di Stati Uniti ed Europa devono fare i conti: il contributo fornito alla diminuzione dell’inquinamento acustico è bilanciato dai rischi connessi alla sicurezza dei ciclisti, dei pedoni (specialmente quelli non vedenti) e degli altri automobilisti.

Negli Stati Uniti è stato approvato in questi giorni il Quiet Car safety standard, un nuovo regolamento per rendere le auto elettriche meno silenziose.

La NHTSA (National Highway Traffic Safety Administration), l’agenzia governativa statunitense che si occupa di valutare la sicurezza dei veicoli stradali, ha stabilito che dal settembre 2019 tutte le auto elettriche dovranno emettere un qualche tipo di rumore quando viaggeranno a una velocità inferiore ai 30 km/h.

Al di sopra dei 30 km/h non ci sarà quest’obbligo poiché il rumore prodotto dagli pneumatici e dall’aria è sufficiente per allertare i pedoni.

L’ente governativo non ha specificato la tipologia del rumore ma ha fissato nella velocità di 18,6 miglia all’ora (equivalente ai nostri 30 km/h) la soglia sotto la quale dovrà attivarsi automaticamente il rumore di sicurezza.

Le case automobilistiche hanno meno di tre anni per mettersi in regola, anche se in alcuni modelli (per esempio la Kia Soul Ev e la Nissan Leaf) il cicalino di sicurezza è già presente.

Secondo le stime della NHTSA l’obbligo di rumore eviterà 2400 infortuni all’anno.

  • shares
  • Mail