Seguici su

Auto Elettriche

4USMobile: il car sharing elettrico del Salento targato Renault Zoe

Saranno 50 le auto elettriche Renault del nuovo servizio di car sharing per residenti e turisti nel Salento.

[blogo-gallery id=”175533″ layout=”photostory”]
Dopo circa 4 anni di attesa, finalmente il Salento ha il suo servizio di car sharing basato su auto elettriche: con l’avvio del servizio 4USMobile, infatti, arrivano sulle strade salentine le prime delle 50 Renault Zoe a batteria previste. Potranno essere utilizzate, con lo schema del car sharing a flusso libero, in tutta la Metropoli Diffusa del Basso Salento (un’area di di circa 3.000 kmq con 800mila abitanti sparsi in 97 Comuni)

Ci sono voluti quattro anni e tanta determinazione – ha commentato Mauro Pantaleo, Presidente di Mobile4Us – ma finalmente il Salento ha un servizio di car-sharing. Lo abbiamo voluto totalmente elettrico e permetterà a tutti i residenti di avere una soluzione alternativa, sostenibile ed economica all’uso dell’auto, e ai turisti di poter raggiungere in autonomia le località più note e frequentate dell’area anche senza bisogno di un mezzo proprio. Vogliamo che il car sharing diventi una concreta alternativa all’auto privata e un servizio complementare ai servizi di trasporto pubblico che, grazie a 4US Mobile, possono diventare più fruibili“.

Il Salento ormai da diversi anni ha la fortuna di essere tra le più desiderate mete turistiche balneari italiane, ma anche la sfortuna di avere servizi di trasporto pubblico inefficienti. Ogni anno decine di migliaia di turisti si riversano sulle coste pugliesi con la propria auto o con un’automobile noleggiata a lungo termine.

A questi spostamenti si aggiungono quelli dei pendolari che vanno e vengono tra i cari paesi della provincia e la città di Lecce. Il nuovo servizio coprirà l’area del Comune di Tricase, per poi estendersi al territorio del Comune di Lecce nei mesi successivi alla stagione estiva e ai principali Comuni della Provincia (Galatina, Maglie, Gallipoli, Otranto, e S.M. di Leuca), garantendo anche il collegamento con l’Aeroporto di Brindisi. Sin dalla fase di avvio i veicoli potranno circolare su tutto il territorio provinciale.

Con 4USMOBILE la nostra Italia, e in particolare la Regione Puglia, diventa più sostenibile, più green, più vivibile, per tutti i cittadini residenti ma anche per i tanti turisti che popolano, in particolare, questo splendido lembo di terra che è il Salento – commenta Francesco Fontana Giusti, Direttore Comunicazione & Immagine Renault Italiaringrazio, quindi, MOBILE4US per aver scelto Renault ZOE che, per le sue peculiarità e la sua versatilità di utilizzo, si conferma l’auto ideale per un utilizzo in sharing“.
[related layout=”big” permalink=”https://ecoblog.lndo.site/post/175378/car-sharing-elettrico-a-bologna-corrente-con-120-renault-zoe”][/related]
4USMobile ha un funzionamento e costi del tutto analoghi agli altri car sharing elettrici già visti in Italia: si scarica l’app per Android, Windows Phone o iOS, ci si registra collegando la propria carta di credito e tramite la geolocalizzazione si trova l’auto più vicina. Una volta saliti a bordo e iniziato il viaggio parte la tariffazione: 0,29 euro al minuto tutto incluso, energia elettrica compresa, che diventano 50 euro giornalieri oltre le tre ore di utilizzo consecutivo.

Le Renault Zoe hanno una autonomia di circa 300 km, al termine dei quali è necessario fare rifornimento. Gli utenti del servizio potranno contare su 30 colonnine Enel X e 15 colonnine gestite direttamente da 4USMobile. Tutte le colonnine hanno due prese per la ricarica, quindi i veicoli elettrici ricaricabili contemporaneamente sono 90. Per chi ricarica subito dopo aver terminato la corsa è previsto un bonus di 10 minuti di viaggio gratis.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa