Economia circolare: l'Italia in posizione leader

Le tecnologie ambientali e la capacità di generare economia circolare dell'Italia possono fare scuola nel mondo. Il ministro Costa punta a un ulteriore salto di qualità.

Il ministro dell'ambiente Sergio Costa ha preso parte all'incontro su "Economia circolare, dalla sostenibilità alla mobilità intelligente" organizzato a Roma dal Messaggero. Qui ha evidenziato come l'Italia sia avanti nell'economia circolare.

Secondo Costa la nostra leadership nelle tecnologie ambientali è riconosciuta ovunque. Questo ci mette nelle condizioni di dettare la linea a livello planetario. Ecco le parole del ministro: "L'Italia non ha materie prime e si è sempre dovuta arrangiare, questo ci ha spinto in una posizione di preminenza".

Ora, a suo giudizio, bisogna spiccare il volo, cambiando il paradigma economico e produttivo: "Se finora il sistema economico si è basato prevalentemente sul concetto di prezzo, adesso si sta costruendo tenendo conto dell'impronta ecologica, è questa la visione nella quale ci stiamo muovendo, l'economia circolare rimette in circolo le materie e cambia la prospettiva".

"Il mio obiettivo -prosegue Costa- è tutelare ciò che è riciclabile e compostabile, ponendo in condizione residuale tutti i materiali che invece non lo sono. Nel decreto legge salva imprese si è voluta sbloccare la norma sull'end of waste, per fare in modo che tante di quelle cose che a fine vita consideriamo rifiuto possano finalmente tornare nel ciclo produttivo".

Fonte | Ministero dell'Ambiente

  • shares
  • Mail