Ambiente: Costa, medaglia d'oro ambientale al capitano De Grazia

Ci sono persone che in Italia hanno dato il meglio per contrastare le illegalità, anche sul fronte dello smaltimento dei rifiuti tossici. Il ministro Costa elogia la figura di Natale De Grazia.

Il capitano di fregata Natale De Grazia è stato un brillante investigatore, che dal 1994 (in forza al Compartimento di Reggio Calabria) ha collaborato attivamente alle indagini sul traffico di rifiuti tossici e radioattivi in Calabria. La sua morte, avvenuta in giovane età, non è stata spiegata in modo convincente.

Per onorarne al meglio la memoria, il ministro dell'ambiente Sergio Costa vorrebbe conferirgli un'onorificenza, dopo la medaglia d'oro al valor di Marina già assegnata in suo ricordo. Queste le parole del titolare del dicastero di via Cristoforo Colombo: "Ho attivato la procedura affinché il capitano Natale De Grazia venga insignito della medaglia d'oro ambientale, la benemerenza più alta della Repubblica Italiana, per il suo impareggiabile impegno come servitore dello Stato e per aver dedicato la sua vita fino in fondo per una causa come la tutela dell'ambiente".

Costa ha fatto l'annuncio in un recente question time alla Camera, aggiungendo: "Con le sue inchieste sul traffico dei rifiuti e sulle navi a perdere in Calabria, il capitano De Grazia ha aperto un cono di indagini su una questione estremamente delicata. Sorgono ancora dubbi sulla sua scomparsa e su questo bisogna fare chiarezza. Alla luce delle sue indagini e per farne delle nuove, per capire tecnicamente che cosa c'è effettivamente in quelle aree e che cosa è accaduto, ho stanziato 1 milione di euro, messo a disposizione dalla nuova Direzione Generale Mare del Ministero dell'Ambiente. Il ricordo e la commemorazione hanno bisogno anche della verità".

Fonte | Ministero dell'Ambiente

  • shares
  • Mail