Sostenibilità: a Roma il 1° festival del giornalismo ambientale

Al Maxxi di Roma è andato in scena il primo evento dedicato alla comunicazione green, che può aiutare a rafforzare la sensibilità ambientale. Il ministro Costa: "L'informazione è essenziale".

Negli scorsi giorni si è svolto a Roma il primo "Festival del giornalismo ambientale". L'evento, andato in scena all'auditorium del Maxxi (Museo nazionale delle arti del XXI secolo, progettato da Zaha Hadid), ha messo in evidenza come il mondo della comunicazione possa fare tanto per trasmettere una coscienza green, fondata su elementi scientifici.

Ad inaugurare la rassegna ci ha pensato il ministro dell'ambiente Sergio Costa, che punta sull'informazione ambientale corretta, accattivante e attendibile. Queste le sue parole: "Per cambiare il paradigma e aprire la porta del green bisogna entrare nelle case dei cittadini. Quale miglior veicolo se non quello dei mass media? Oggi l'informazione che i giornalisti fanno è essenziale per ottenere il risultato e gli editori hanno il compito di investire su di loro, per un percorso comune verso la sostenibilità".

Il primo "Festival del giornalismo ambientale" è stato organizzato dal Ministero dell'Ambiente, insieme a Ispra, Enea e Fima (Federazione italiana dei media ambientali). L'obiettivo? Rafforzare la comunicazione green e creare una vetrina per dare voce e visibilità al giornalismo ambientale, in modo da valorizzare chi ci lavora e da renderlo un vivace strumento al servizio della nobile causa della salvaguardia dell'ecosistema.

Diversi i temi affrontati nel corso di questo primo appuntamento romano, durato tre giorni: dalle inchieste alle fake news, passando per vari altri argomenti legati alle sfide poste da clima, inquinamento e rifiuti, con uno sguardo puntato ai nuovi media, al Green new deal e al rapporto tra ambiente, energia e innovazione. Tutto con la speranza che il cammino continui nel resto dell'anno, con una costante informazione sui rischi e sui problemi ecologici, operata nell'ottica della sensibilizzazione, per il bene del nostro martoriato pianeta.

Fonte | Ministero dell'Ambiente

  • shares
  • Mail