Clima, Costa alle Svalbard: "Crisi più veloce del previsto"

Il ministro dell'ambiente italiano è stato presso la sede del CNR in Norvegia, per valutare sul campo gli effetti del cambiamento climatico.

I cambiamenti climatici stanno incidendo sulla vita del nostro pianeta, con un ritmo forse superiore al previsto. Il ministro dell'ambiente Sergio Costa, da sempre molto sensibile alla questione, ha voluto approfondirla ulteriormente, con una due giorni full immersion alle Svalbard, arcipelago del mare Glaciale Artico che rappresenta la parte più settentrionale della Norvegia.

Qui, insieme a una delegazione del suo dicastero e a quella del CNR, è stato accolto presso la base Dirigibile Italia, dove ha incontrato gli scienziati e i ricercatori italiani in servizio presso la stessa. Il ministro ha visitato la Climate Change Tower, che offre un monitoraggio continuo della situazione.

I climatoligi hanno raccontato agli ospiti quanto negli ultimi dieci anni le temperature alle Svalbard siano aumentate di circa 3 gradi, un livello molto più alto di quello medio globale del pianeta, che ha raggiunto valori superiori di 1 grado rispetto a prima.

Il ministro dell'ambiente, venuto in Norvegia per ascoltare sul campo gli scienziati, ha avuto conferma di quanto la crisi climatica proceda più velocemente delle previsioni. Queste le parole di Sergio Costa: "Sono stati due giorni intensi: ritorno in Italia con la consapevolezza che non c'è più tempo e che tutti noi dobbiamo impegnarci in prima linea per invertire la rotta e cambiare il paradigma economico e sociale. Sono rimasto molto colpito dall'enorme e inestimabile lavoro dei nostri scienziati. Occorre che tutti noi ci impegniamo a diffondere la loro parola, ad ascoltarli e quindi ad agire di conseguenza. È in discussione il futuro per i nostri figli ed è una sfida che non possiamo perdere".

Fonte | Ministero dell'Ambiente

  • shares
  • Mail