Seguici su

ECOLOGIA

Uranio impoverito: munizioni tossiche nei fondali di Torre Veneri

U.I. e amianto: nel 2001 alla caserma di Bibbona i militari lanciarono l’allarme

Un documento datato 12/01/2001 rappresenta uno degli elementi rilevanti della Commissione Parlamentare sull’Uranio Impoverito riunitasi all’inizio di gennaio. In questo documento si parla di munizioni facenti parte di un lotto di armi usate nella missione italiana in Somalia e, successivamente, giunte al deposito militare italiano di Bibbona.

Una decina d’anni fa un articolo pubblicato dal quotidiano Il Tempo e le interrogazioni parlamentari degli onorevoli Rizzi e Ballaman della Lega Nord e Cento dei Verdi avevano destato scalpore. Il quotidiano romano aveva parlato delle rimostranze dei militari operanti nel Deposito di Bibbona che lamentavano di aver maneggiato gli ordigni all’uranio impoverito senza alcuna precauzione, come fossero armi convenzionali. 

La circostanza è confermata dal documento – indirizzato al capo del deposito “Le Casermette” di Bibbona – nel quale si parla esplicitamente di uranio impoverito ma, anche,

di effettuare controlli di misurazione da parte dell’organo preposto (USL o chi per esso) all’interno dei locali controsoffittati in amianto e con rispettivo tetto in amianto per verificare la quantità di fibra rilasciata visto che molte ore della giornata sono state impiegate per lavorazioni varie dal personale.

Il documento di appena una pagina è sottoscritto da nove militari del personale Artificiere che raccontano le modalità con le quali venivano pulite le munizioni rientranti dalla Somalia.

E da questo documento di dodici anni fa arriviamo al presente. Al ritrovamento sia in terra che nell’ambiente marino del poligono di Torre Veneri, a Lecce, di materiale balistico con le stesse sigle – APFSDS-T DM 33 e 105/51 lotto IMI 1-1-1985 – contenute sulla richiesta d’intervento da parte dei militari. 

Le sigle dei proiettili corrispondono e sono esse stesse rivelatrici. APFSDS-T DM 33 sta per Armour-Piercing Fin-Stabilized Discarding Sabot ovverosia Proiettile perforante, stabilizzo da alette, ad abbandono d’involucro. Munizioni con penetratore in uranio impoverito o in tungsteno, altro metallo pesante tossico.

Le altre munizioni siglate IMI denunciano nell’acronimo il luogo di produzione: Israel Military Industries. Il lotto è datato 1-1-1985 ed è stato utilizzato nel 1993 dai blindati Centauro, per poi rientrare a Bibbona. Successivamente distribuito nei poligoni di tiro questo materiale balistico è arrivato anche a Torre Veneri dove l’associazione Lecce Bene Comune ha denunciato pubblicamente il fatto. 

Via I LecceNews24 I Lecce Bene Comune

Foto © Getty Images

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa