Seguici su

Clima

Il 92% degli italiani preoccupati dai cambiamenti climatici

Gli italiani temono i cambiamenti climatici. Lo rivela l’indagine Axa Ipsos presentata alla Bocconi di Milano dove risulta che in Europa siamo i primi ad avere interesse verso sulla questione ambiente.

Il sondaggio Axa-Ipsos Percezioni individuali sui rischi climatici che ha intervistato 13 mila persone in 3 continenti (Francia, Germania, Italia, Belgio, Svizzera, Spagna, Regno Unito,Stati Uniti, Messico, Giappone, Hong Kong, Indonesia e Turchia) in merito ai cambiamenti climatici ha fotografato lo stato di preoccupazione degli Europei e degli italiani in merito: il 92% dei mille italiani intervistati ha espresso apprensione e molta apprensione (il 51%) sui cambiamenti climatici. Nel resto d’Europa le percentuali sono più basse: Francia (77%), Gran Bretagna (69%) o Germania (96%).

Per il 94% degli italiani è però anche possibile trovare una soluzione e il 64% crede sia necessario sviluppare le energie rinnovabili, mentre il 43% pensa anche che si debba bloccare la deforestazione.

In questo caso ovviamente, il sondaggio è stato disposto per dimostrare che in Italia il 52% delle persone ritiene necessaria un’assicurazione che li protegga da eventuali danni derivati dai cambiamenti climatici, ma non è ciò che ci interessa in questo momento.

Il sondaggio è interessante poiché ci dice che i cambiamenti climatici sono una realtà di cui però il main stream se ne occupa poco concentrandosi più sulle catastrofi climatiche che non sulle soluzioni. Infatti, per gli intervistati, la discussione è chiusa: le attività umane sono sicuramente la causa principale dei cambiamenti climatici per l’82%, mentre solo il 18% pensa che i cambiamenti climatici siano la conseguenza di fattori naturali. I paesi più scettici sono gli Stati Uniti (42% ritiene che i cambiamenti climatici siano soprattutto causa di fattori naturali), seguito da Regno Unito (34%). I paesi in cui gli intervistati sono al contrario per lo più convinti che i comportamenti umani siano la causa principale dei cambiamenti clilatici sono Hong Kong (94%),Indonesia (93%) e Messico (92%), tre paesi che sono particolarmente vulnerabili agli eventi meteorologici estremi. La Germania è il paese europeo con il più alto tasso degli intervistati che ritengono che le attività umane siano la causa principale (87%).

Per l’89% dei partecipanti al sondaggio la prima possibile conseguenza dei cambiamenti climatici è il costante aumento delle temperature medie; per il 50% è assolutamente così. Questa convinzione è più forte nei paesi in cui le
temperature alte sono già un problema: il 78% degli indonesiani pensa che che la temperatura media aumenta “assolutamente” per effetto del cambiamento climatico; lo pensa anche il 69% dei messicani, il 63% degli abitanti di Hong Kong e il 59% dei Turchi, il61% degli spagnoli e il 58% degli italiani. Gli europei del nord sono meno categorici, crede “assolutamente” il 33% dei britannici, il 34% dei belgi e il 36% dei francesi.

Le persone vedono anche una forte relazione tra i cambiamenti climatici e la crescente frequenza di eventi meteorologici estremi: l’89% cita inondazioni, l’ 88% la siccità e l’ 83% i cicloni. Allo stesso modo, si associano i cambiamenti climatici con i cambiamenti nella flora e la fauna, soprattutto per la vegetazione (85%) e l’estinzione di alcune specie animali (81%). Gli scarsi raccolti sono un’altra conseguenza per l’81% degli intervistati, ma solo il 57% degli indonesiano e il 51% di messicani sono “assolutamente” convinti della connessione.

Oltre all’impatto sull’ecosistema, un grande maggioranza degli intervistati si aspetta che i cambiamenti climatici abbiano gravi conseguenze sanitarie e sociali: il 77% ha paura che ci saranno conflitti per l’accesso al cibo o acqua,il 64% è preoccupato per la diffusione di malattie e il 60% si aspetta un aumento delle migrazioni.

Interrogati sulla situazione nelle proprie regioni, il 73% degli intervistati afferma di avere osservato personalmente gli effetti dei cambiamenti climatici. Le conseguenze più comunemente osservate di questi cambiamenti negli ultimi 20 anni sono: cambiamenti nel regime delle precipitazioni e delle inondazioni (osservata dal 83% degli intervistati), un costante aumento delle temperature medie (80%) e siccità (78%); ma anche le conseguenze sociali, come ad esempio i conflitti per l’accesso al cibo o acqua (osservata del 61% degli intervistati), la diffusione delle malattie (57%) o la migrazione umana (54%), sono state riferite come esperienza diretta.

Via | Intermedia Channel

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa