Seguici su

Risparmio energetico

FICO, il parco dedicato al cibo abbatte i costi energetici: ecco come

parco fotovoltaico fico

Il FICO, ha un modello sostenibile che va incontro ai ristoratori evitando loro le bollette di luce e gas. Scopriamo come funziona.

Nel periodo più difficile per ciò che riguarda il rincaro delle spese di gas e bollette, il FICO si pone come esempio per un modello sostenibile ed in grado di cambiare le cose.
Nonostante l’immensità del parco, la presenza di giostre, di fabbriche e di padiglioni multimediali, i ristoratori che vi lavorano possono permettersi infatti di non pagare le bollette.
E tutto grazie ad un modello energetico virtuoso ed in grado di fare la differenza.

Come funziona il modello energetico del FICO

Al FICO sono presenti ben 36 ristoranti che, com’è facile intuire, consumano ogni giorno un certo volume di energia. Ciò nonostante gli stessi sono esentati dal pagamento delle bollette.
Il parco dispone infatti di sistemi che evitano l’uso ed il consumo di gas. Cosa che abbatte moltissimo i costi, sopratutto in questo periodo così delicato.
Nei ristoranti, le cucine sono tutte elettriche e a induzione. Mentre per quanto riguarda il riscaldamento è presente il teleriscaldamento.

parco fotovoltaico fico
parco fotovoltaico fico

Ovviamente rimane il problema luce, al quale però è stato pensato in modo serio e attento.
Il parco dispone infatti di un impianto fotovoltaico di circa 55mila mq. Un impianto che è anche il più grande d’Europa e che è stato installato su un tetto consentendo all’intero parco di abbattere i costi energetici del 50%. Il tutto per un risparmio sia economico che ambientale.

Le parole di Stefano Cigarini sulla sostenibilità del FICO

Lo stesso amministratore delegato di FICO Eataly ha speso delle parole cariche di orgoglio riguardo la sostenibilità del parco. A suo dire, infatti, FICO è un chiaro esempio di sostenibilità.

Al risparmio energetico che abbiamo già visto, si aggiunge inoltre l’uso di materiali compostabili da parte di tutti gli operatori e un sistema circolare a metro 0.
Ogni eccellenza alimentare che viene prodotta dalle fabbriche presenti al FICO viene infatti utilizzata da tutti i ristoratori. Il tutto per un mercato condiviso che ricorda un po’ i vecchi sistemi contadini e che, in questo modo, riesce a rendere la vita di chi popola il parco estremamente sostenibile.

Un vero esempio che se fosse seguito anche da altre aziende potrebbe portare a nuove possibilità e ad una gestione più consapevole dell’energia e delle risorse di cui godiamo tutti i giorni.

Fonte foto: Ufficio stampa FICO Eataly World

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa