Seguici su

Auto

Nuove immatricolazioni auto: 1 su 9 in Europa è elettrica

Nuove immatricolazioni auto: nel corso del 2020, in Europa una vettura su 9 è stata elettrica: tutti i dati per il Vecchio Continente.

Auto elettriche

Il mercato delle auto elettriche sembra aver trovato terreno fertile in Europa, uno dei continenti dove la richieste di queste nuove vetture sta crescendo a ritmi più veloci. Nel corso del 2020, nel Vecchio Continente si è registrato il tasso di una nuova immatricolazione elettrica su nove classiche, così come spiegano i dati forniti dall’European Environment Agency.

E la diffusione sempre più generosa delle elettriche in Europa sta avendo già un impatto importante sulle emissioni di gas inquinanti: in media, si è registrato un calo medio del 12% dell’anidride carbonica prodotta dalle vetture di nuova immatricolazione. Molto deve essere ancora fatto, però, per assicurare al continente il raggiungimento degli obiettivi ambientali prefissati entro il 205.

Auto elettriche, l’Europa non ha dubbi

Il tasso di adozione di un’elettrica ogni 9 benzina o diesel può sembrare poco, almeno di primo acchito, ma in valori assoluti è certamente importante. Se si considera il mercato dell’Unione Europea, il Regno Unito, l’Islanda e la Norvegia, nel corso del 2020 ben 11.6 milioni di auto elettriche sono state immesse sulle strade, con un impatto considerevole in termini ambientali.

La crescita potrebbe essere addirittura più veloce, se si accelerasse sulla creazione di un network di colonnine di ricarica sufficientemente capillare. Tutt’oggi la range anxiety, ovvero il timore di rimanere senza autonomia e impossibilitati a ricaricare la vettura, rimane il principale deterrente all’acquisto di queste vetture. Allo stesso tempo, però, gli incentivi fiscali voluti dai vari Paesi europei stanno portando agli effetti sperati.

Ancora molto deve essere tuttavia fatto, così come ricorda Transport & Environment. Secondo il gruppo, Bruxelles dovrebbe spingere l’adozione di normative più stringenti in tutti gli Stati Membri, affinché dal 2035 venga definitivamente abbandonata la vendita di nuove vetture diesel e benzina. Considerando come le indagini di mercato dimostrino come il ciclo di vita medio di un’automobile sia di 15 anni, se si permettesse l’immatricolazione di vecchie motorizzazioni anche dopo il 2035 si rischierebbe di mancare gli obiettivi ambientali fissati per il 2050.

Fonte: Reuters

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa